13 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 17:00:38

Provincia

Domani gli studenti invadono Grottaglie per chiedere la sede unica


GROTTAGLIE – Quella che si terrà domani si prevede come oceanica. Si tratta della nuova manifestazione che gli studenti del liceo Moscati terranno nella mattinata.

Tutti quanti – sono 1.200 – scenderanno tra le vie del paese per far sentire ancora una volta la loro voce ed insistere affinché le Istituzioni si impegnino per la costruzione della sede unica. Una richiesta che viene fatta da circa quarant’anni, ma che ancora non si é mai concretizzata e sta penalizzando quello che é un liceo in crescita, ma costretto a “dividersi” in circa otto sedi. Domani il serpentone, che si snoderà dalle 9 del mattino da piazza Regina Margherita, arriverà in piazza Principe di Piemonte. 

 

Intanto ieri e sabato si sono tenuti i tavoli di concertazione convocati dal sindaco Ciro Alabrese con le istituzioni scolastiche della comunità di Grottaglie. Stamattina invece, come deciso nel consiglio comunale di lunedì, si sono riunite la 2a e 4A commissione.

«Abbiamo valutato tutte le alternative – spiega il presidente della 4a commissione, Donato Trivisani. Dopo il tavolo con i vari presidi, dal quale é emerso che non c’é possibilità di reperire altre aule, abbiamo deciso di procedere su tre fronti. Daremo mandato alla Provincia di valutare bene se c’é la possibilità di recuperare aule all’interno delle scuole di sua competenza. Poi procederemo con un avviso pubblico perché ci sono diversi privati, proprietari di sedi che potrebbero essere messe a disposizione. Il terzo punto é quello di ottenere quanto prima tutta la documentazione e i progetti sulla sede di via Capri affinché l’amministrazione comunale possa procedere con l’esproprio dei terreni».

 

A chiedere la costruzione della sede unica, che dovrà avvenire in via Capri, sono stati e sono tuttora politici, amministratori, professori ed ex docenti della scuola grottagliese. «Ora che i vincoli per la vicinanza al parco delle Gravine sono stati superati con il nuovo progetto – spiega Maria Pia Ettorre, assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione (nella foto) – non dobbiamo mollare la presa e continuare a batterci per la costruzione della sede unica».

 

Lunedì scorso, durante il consiglio comunale sul Moscati, l’assessore provinciale Costanzo Carrieri aveva ribadito che la Provincia non ha i soldi per la realizzazione della nuova struttura. «Il Comune sta sollecitando gli enti – aggiunge l’assessore Ettorre, tra l’altro docente al Moscati – ma é ovvio che Provincia e Ufficio Scolastico Regionale ci devono dare una mano. Al momento, per il prossimo anno scolastico mancano cinque aule da venticinque posti. Il problema imminente si risolverà come é stato fatto finora “raccapezzando” aule un po’ qua, un po’ là, nelle diverse succursali. Ma é ovvio che la cosa fondamentale é dare una sede dignitosa a questo liceo. Ed é proprio per questo che domani gli studenti torneranno a manifestare».

 

Al momento il liceo ha cinquantadue aule e diversi laboratori divisi in più sedi, tra le quali i professori si muovono come fossero trottole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche