25 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Ottobre 2021 alle 22:59:00

Provincia di Taranto

Chiudono gli impianti sportivi. Laddomada: «È colpa del Pdl»


CRISPIANO – «Gli impianti sportivi del paese devono chiudere. E’ colpa del Pdl». E’ quanto sostiene il sindaco Giuseppe Laddomada che oggi alle 18.30 tiene una conferenza insieme all’assessore allo Sport Carlo Sforza. L’incontro, aperto alla cittadinanza, é in Comune.

 

«Dopo l’esposto in Procura del capogruppo del Pdl Michelangelo Serio, che denunciava che le strutture sportive del paese non hanno i certificato di agibilità, dobbiamo chiuderle» spiega il sindaco Laddomada (nella foto).

Certificati scaduti infatti per diverse strutture che, a seguito di un sopralluogo delle forze dell’ordine, verrebbero comunque chiuse. «La denuncia del consigliere Serio – spiega Laddomada – credo sia di carattere formale. Il campo sportivo, per esempio, é stato adeguato alle norme. L’1 agosto del 2008 é stata fatta la richiesta di prevenzione incendi e il 27 agosto dello stesso anno io ho dichiarato che gli impianti erano stati adeguati, anche se formalmente manca ancora l’attestato sulla carta. Serio ha fatto un esposto alla Procura dicendo che, ai fini dei buoni sport, non avrei dichiarato il vero dicendo che le strutture sportive non erano conformi. Siccome per gli adeguamenti del campo sportivo erano stati fatti dei lavori e i vigili del fuoco avevano già espresso il parere in via preventiva, io non ho dichiarato il falso».

 

Discorso analogo per la palestra della scuola Mancini. «Qui il certificato di prevenzione incendi é scaduto, ma l’ufficio tecnico é già é stato informato e sta procedendo. E’ solo questione di carte. Dovrebbe chiudere mezza Italia allora. Noi badiamo alla sostanza delle cose, facendo fare attività ai bambini, ai disabili, ai cittadini – evidenzia Laddomada. Difronte a tanto formalismo, il consigliere Serio, che tanto decanta la legalità é davvero un formalista? Se si non si spiegherebbe com’é che vota il Pdl all’interno del quale sono candidati persone condannate, come Berlusconi e Fitto».

 

A chiudere i portoni, nello specifico, saranno la palestra Giovanni XXIII, il campo di calcio, le palestre delle scuole Mancini e Severi. Non potranno essere utlizzate finché non si procederà agli adeguamenti. I tempi non si sa quali saranno, dipende dalla burocrazia. Intanto a prescindere da chi siano i “colpevoli”, a pagarne le conseguenze sono i cittadini che non potranno usufruire di importanti impianti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche