La novità

Massafra, attivato il wi-fi gratuito nella biblioteca ​

Il nuovo servizio si inserisce nell’ambito delle attività volte a rendere più vivibili e fruibili gli spazi comunali

Provincia
Taranto mercoledì 21 novembre 2018
di La Redazione
Biblioteca Comunale “Paolo Catucci” a Massafra
Biblioteca Comunale “Paolo Catucci” a Massafra © Tbs

MASSAFRA - Attivato il wi-fi gratuito nella Biblioteca Comunale “Paolo Catucci” e nella sala multimediale,allocate all’interno del Castello Medievale. Il sindaco Fabrizio Quarto evidenzia che tale nuovo servizio si inserisce nell’ambito delle attività volte a rendere più vivibili e fruibili gli spazi comunali, soprattutto ai giovani, così protesi verso la generazione 4.0.

Tra breve, continua il sindaco, sarà resa operativa la sala multimediale, allocata al piano terra della biblioteca, dotata di visori e apparecchiature “realtà virtuale”, che coinvolgeranno i ragazzi proiettandoli in particolari attività di apprendimento della storia e della cultura. Il sindaco ricorda che sarà realizzata una nuova biblioteca in grado di offrire servizi innovativi per la promozione della lettura e della cultura, con l’acquisto di dispositivi tecnologici di ultima generazione, a fruizione dell’utenza, sia per la dotazione del back office per l’accoglienza, rafforzando in tal modo la cittadinanza attiva e la diffusione della conoscenza del patrimonio culturale del territorio. Saranno restaurati 820 antichi e preziosi volumi rinvenienti dall’ex biblioteca conventuale dei frati Cappuccini, ora di proprietà comunale.

Per rendere possibile la massima diffusione del patrimonio culturale del territorio sarà prevista la traduzione dei testi di interesse storico, così da permettere la consultazione, anche da remoto, agli utenti internazionali. Un successo, quindi, per l’amministrazione comunale e per gli utenti di Massafra che la richiedevano l’attivazione del wi-fi gratuito nella Biblioteca Comunale “Paolo Catucci” e nella sala multimediale che sono allocate all’interno del Castello Medievale della Tebaide d’Italia.

Lascia il tuo commento
commenti