27 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 26 Novembre 2020 alle 15:39:01

News Provincia

La grande sfida dell’aerospazio

La Regione sarà all’Aerospace & Defense Meetings in vista dell’evento grottagliese

La grande sfida dell’aerospazio
La grande sfida dell’aerospazio

GROTTAGLIE – “Il 27 novem­bre prossimo sarò a Torino all’A­erospace & Defense Meetings, assieme ad una delegazione isti­tuzionale composta da rappresen­tanti di Aeroporti di Puglia, da delegati del Distretto Tecnologico Aerospaziale e di PugliaSviluppo. Si tratta di una tappa molto impor­tante per noi in vista della Fiera internazionale dell’aerospazio che la Regione Puglia sta organizzan­do a Grottaglie. La Aerospace & Defense Meetings è l’unica bu­siness convention internaziona­le per l’industria aerospaziale e della Difesa in Italia, prevede un programma di incontri tra grandi professionisti del settore, buyers e assemblatori di tutto il mondo, con l’obiettivo di costruire nuove relazioni commerciali e sviluppa­re nuovi progetti”.

È quanto dichiara l’assessore re­gionale allo Sviluppo, Mino Bor­raccino.

“In questa edizione è prevista la partecipazione di oltre 500 azien­de provenienti da più di 25 nazio­ni tra Europa, Africa, Nord e Sud America, Asia e Russia. Con l’As­sessorato allo sviluppo economi­co della Regione Puglia, Sezione Internazionalizzazione, prende­remo parte all’evento con un fo­cal point che, oltre ad ospitare il desk “Invest in Apulia”, ospiterà una delegazione di 7 PMI o start-up pugliesi innovative del settore dell’aerospazio interessate a pre­sentare dei progetti agli investitori internazionali.

“La partecipazione della Regione Puglia alla business convention rientra nel Piano Export Sud 2 gestito e coordinato dall’Agenzia ICE-Italian Trade & Investment Agency, che ha organizzato an­che un calendario di incontri pro­grammati sulla base delle specifi­che richieste e scelte delle aziende ed ha previsto l’inserimento del profilo aziendale nel catalogo uf­ficiale dell’evento cartaceo e on line.

“Non potevamo mancare a questo importante appuntamento, visti la grande espansione ed i grossi risultati economici che sta riscuo­tendo il settore dell’Aerospazio nella nostra regione. La parteci­pazione a questo evento promuo­verà certamente nuove opportu­nità di investimenti sul territorio regionale oltre ad implementare contatti con investitori, e fornire assistenza tecnica alle PMI/start-up pugliesi partecipanti. Con tutta la delegazione pugliese, comprese le imprese, incontreremo i rappre­sentanti della “Leonardo”.

“Personalmente darò il mio con­tributo, in qualità di relatore,nel seminario Invest in Italy intito­lato “Italy: The Perfect Platform for Aerospace, nel corso del quale presenterò la Fiera Internazionale dell’Aerospazio di Grottaglie, che si terrà dal 25 al 27 marzo 2020”.

“Per la prima volta in Puglia, a Grottaglie organizzeremo un evento internazionale che metterà in contatto start up, piccole e me­die imprese pugliesi dei comparti aeronautico e spaziale con il mon­do finanziario ed il sistema dei fon­di specializzati negli investimenti di settore”: proprio Borraccino lo annunciò a Parigi al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in visita allo stand istituzionale della Regione Puglia, l’assessore allo Sviluppo economico Cosimo Bor­raccino, nella giornata di apertura dell’International Paris Air Show. Il premier – ha detto in quell’occa­sione Borraccino – è rimasto posi­tivamente impressionato da quello che stiamo facendo in Puglia in­sieme con il Distretto dell’Aero­spazio e in modo particolare per l’iniziativa che stiamo organiz­zando a Grottaglie”. Ad uno degli eventi mondiali dell’aeronauti­ca e dell’Aerospazio, la Regione Puglia, insieme ad Aeroporti di Puglia e al Distretto aerospaziale pugliese, presenta l’infrastruttura dell’aeroporto di Grottaglie nella sua doppia veste di piattaforma sia per la sperimentazione dei voli a pilotaggio remoto che dei voli suborbitali.

“L’evento – ha spiegato l’assessore in riferimento alla manifestazione del 2020 – si svolgerà in primave­ra a Grottaglie, dove si concentra­no attività industriali attorno all’a­eroporto che vanta la più grande pista di atterraggio d’Europa. Grottaglie, vorrei ricordare – ha detto ancora Borraccino al pre­mier Conte – è una piattaforma unica nel Sud Europa per la spe­rimentazione di nuove soluzioni aeronautiche (test bed) ed in par­ticolare per il volo senza pilota ed è stata indicata come sede di uno spazioporto da cui decolleranno i vettori del futuro”. “Una mani­festazione del genere – ha conti­nuato Borraccino – consentirà al sistema produttivo aerospaziale di tutta la Puglia di presentare al mondo finanziario ed agli investi­tori internazionali le proprie pro­duzioni e le idee innovative per prodotti futuri in particolare nelle tecnologie “unmanned”, cioè sen­za pilota”.

2 Commenti
  1. Fra 1 anno ago
    Reply

    Vergogna ,noi vorremmo usare l’aeroporto per volare e anticipare i tempi visto che andiamo appena più veloci di una lumaca ;non andiamo fieri di questa vostra posizione anche perché non ci porterà nulla di buono ,al telegiornale hanno mostrato l’incidente della navicella spaziale ,pensate se dovesse succedere a Taranto . Ci state sfruttando e la regione incassa consensi dalle due provincie viziate . Ma il nostro sindaco perché non si batte per i nostri comuni interessi ,perché deve appoggiare per forza il suo capo ,probabilmente avrà un piano,ma ad ora soltanto perdite ,sconfitte e lunghe attese di percorrenza . Spero che i tarantini reagiscano a questa indifferenza ,forse facciamo finta di niente ma ci stanno stritolando ,ci stanno ammazzando e ci vogliono vedere con le pezze al cù. Emiliano cosa pensi di avere fatto per Taranto ? In cinque anni cosa pensi di avere dato visto che ci hai privato di tutto . Rimaniamo isolati dal resto del mondo ,viviamo di ricatti ed estorsioni ,adesso usiamo l porto per fare scendere migranti economici ,altro che sbandati bisognosi ,soltanto questo .. le luminarie sapere dove ve le potete mettere..

  2. vincenzo 1 anno ago
    Reply

    Tutto quanto riguarda l’aerospazio fatelo a Brindisi o a Bari. A noi dateci i voli civili che ci permettano di viaggiare come tutte le persone normali visto che da Taranto non partono più, come prima aerei e treni degni di tale nome. Prima eravamo esclusi da tutto per il binario unico Taranto-Bari e la chiusura della linea tradotta Metaponto-Battipaglia. Ora non ci sono più questi nodi, ci hanno tolto lo stesso la voglia di partire con i treni ma non con gli aerei. Basta con gli accontentamenti come questi dell’aerospazio. Mi duole che anche gli uomini più attivi che abbiamo ci cascano come allodole. Svegliatevi uomini politici di Taranto e battete l’ultimo colpo che vi rimane per cercare di essere rieletti perchè a me, col vostro non saper fare, avete tolto la voglia di andare a votare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche