LIZZANO

Discarica Vergine. Un tavolo tecnico

Convocato dall’Assessorato regionale all’Ambiente

Provincia
Taranto sabato 02 febbraio 2019
di La Redazione
L‘assessore regionale Mino Borraccino
L‘assessore regionale Mino Borraccino © Tbs

“Per la discarica “Vergine” positiva iniziativa dell’Ager e dell’Assessorato regionale all’Ambiente”. Così l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino:
“Ringrazio il dott. Gianfranco Grandaliano, direttore generale dell’Agenzia Regionale per la Gestione dei Rifiuti (Ager), per avermi comunicato l’intenzione di sollecitare, anche su mia richiesta, un tavolo tecnico sull’annosa vicenda della discarica “Vergine”, situata tra i territori di Lizzano e Fragagnano- dice Borraccino- ringrazio inoltre l’assessore all’Ambiente, Gianni Stea, per la passione e l’impegno che sta mettendo nella gestione di questa e di altre tristi vicende del territorio di Taranto come quella di Ginosa dove recentemente si è recato personalmente”.
Al tavolo per la discarica “Vergine” parteciperà oltre all’assessore all’Ambiente Gianni Stea e l’assessore Mino Borraccino, il presidente Michele Emiliano.
“Si tratta di giungere finalmente, col consenso unanime di Enti locali e associazioni, alla bonifica del sito e alla messa in sicurezza di tutta l’area interessata- prosegue l’assessore Borraccino- è una questione di particolare rilevanza, anche perché l’impianto può aver determinato l’inquinamento della falda acquifera, come dimostrerebbe l’esito delle analisi svolte sui campioni prelevati.
La discarica “Vergine” di Lizzano rappresenta una pericolosa bomba ambientale che occorre disinnescare nel più breve tempo possibile. Fragagnano, Lizzano, Monteparano e altri Comuni limitrofi, hanno già pagato un prezzo troppo alto per quell’impianto e ora l’obiettivo è semplicemente la bonifica e la messa in sicurezza per arrivare alla chiusura della stessa. Per queste ragioni- conclude Borraccino- saluto con favore l’iniziativa del dott. Grandaliano, che sicuramente porterà al risultato da tutti auspicato”.

Lascia il tuo commento
commenti