26 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Ottobre 2021 alle 22:44:00

Provincia di Taranto

Giunta a Grottaglie? Una provocazione


GROTTAGLIE – Dimezzare il numero degli assessori per dare un segnale forte alla comunità in questo periodo di crisi economica per tutti. E’ la proposta che il consigliere Francesco Donatelli del Pd ha voluto portare all’attenzione della segreteria politica del suo partito nei giorni scorsi.

Un’idea che ha fatto discutere molto il direttivo cittadino in questa fase alle prese con una verifica politica di maggioranza che si trascina da ormai sette mesi.

Consigliere, perchè ha sostenuto questa proposta insieme all’ala renziana del Pd ed al movimento Liberamente?
“Perchè la ritengo una provocazione utile a smuovere il partito in questo momento di forte critica nei confronti della politica”.

Parla dell’esito elettorale per le ultime politiche?
“Esattamente. Ritengo che il dato negativo registrato dal Pd debba essere il punto da cui far cominciare una fase di riflessione. La vittoria dei grillini a livello nazionale, regionale e locale deve servire ai partiti ed in particolare al Pd a capire che se la gente ha espresso un voto di protesta è perchè finora non si è lavorato bene. D’altronde anche i risultati di questa amministrazione negli ultimi due anni non sono stati fiorenti”.


Lei è la voce critica dell’intera maggioranza. Perchè l’amministrazione non ha lavorato come avrebbe dovuto?

“Perchè alla prese con una verifica che ormai dura da troppo tempo”.

E’ per questo che ha chiesto l’immediata chiusura della verifica?
“Sì, quello che intendo è una profonda riflessione sul piano politico che porti innanzitutto a rivisitare la segreteria cittadina del Pd e poi l’intero assetto della maggioranza”.

Condivide il progetto di allargare a Sel?
“L’esigenza era quella di dare continuità all’impegno assunto dal sindaco al ballottaggio quando Sel lo sostenne. Ora che è anche cambiato il quadro politico a livello nazionale in cui Pd e Sel viaggiano uniti sarebbe strano mantenere in piedi questa divisione. Ma ci vuole la buona volontà da parte di Sel che finora non ha dimostrato di avere”.

Se le proposte di dimezzare la giunta, rivedere la segreteria e chiudere la verifica non dovessero essere ascoltate dal direttivo lascerà il Pd?
“A livello nazionale le mosse del Pd mi trovano d’accordo. Non abbandonerò il partito anche se rimango critico nei confronti della segreteria locale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche