Provincia

Grottaglie, Sel resta fuori dalla maggioranza


GROTTAGLIE – Il sindaco Ciro Alabrese non ha ancora sciolto la riserva per la nuova Giunta.

Sta lavorando sulla rosa di nomi che i partiti della coalizione “Grottaglie Oltre” gli ha consegnato sabato.

Intanto gli esponenti di Sinistra Ecologia e Libertà, del circolo Pasolini di Grottaglie, fanno il punto sulla verifica politico-amministrativa in corso al Comune e spiegano le ragioni del loro no all’accordo con la maggioranza.

«Oggi pomeriggio, nel corso di una conferenza – spiega il segretario cittadino di Sel Franco Galiandro (nella foto) – illustreremo i motivi per i quali la verifica che si trascinava da mesi ci vede fuori, per delle scelte che noi non condividiamo assolutamente. C’é stato un gran parlare, ma poi emergeva i un quadro politico come il precedente, molto simile. Il quartiere democratico aveva aperto questa verifica perché ritenevamo che non ci fossero le condizioni per andare avanti e immaginavamo un cambiamento radicale del quadro politico, ma così non é stato».

 

Già prima delle elezioni, infatti, Sel aveva chiesto di rinviare la chiusura della verifica a dopo il voto. «Pensavamo che qualcuno avesse preso atto di quanto accadeva nel paese – aggiunge Galiandro – invece abbiamo saputo che il rinvio non era stato accolto, tranne che dal segretario provinciale del Pd. Di fatto ci troviamo con le stesse persone della stessa maggioranza precedente, ma soprattutto con un quadro politico che non é cambiato: non abbiamo visto la volontà di un mutamento, nonostante anche il quadro nazionale chiede una politica e un approccio diverso con i cittadini».

Tutto questo non ha convinto Sel a concludere l’accordo con la maggioranza, che comunque aveva sostenuto il turno del ballottaggio per l’elezione di Alabrese.

«Non ci convinceva – chiosa Galiandro – la soluzione che ci veniva proposta; al di là dei posti in giunta, della discussione su uno o due assessori… non era quello ciò che ci interessava. Continueremo a fare un’opposizione non pregiudizievole, valuteremo tutto ciò che partirà dal consiglio comunale dalla nostra solita posizione. L’altra cosa che non abbiamo gradito é che é stata una stagione politica fatta di personalismi, in cui si é passato “da una casacca all’altra” con molta leggerezza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche