26 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Settembre 2021 alle 22:33:00

Provincia di Taranto

Conte condannato ora accusa Miccoli e Mancarelli


????????????????????????????????????

STATTE – Una pena pecuniaria di 7.500 euro per aver “turbato la regolarità” delle attività nella discarica Italcave. Stamattina l’ex consigliere ed esponente dei Verdi, Vincenzo Conte è tornato lì, davanti alla discarica per denunciare quello che secondo lui non funziona nel sistema rifiuti a Taranto. 

E’ il destinatario di una condanna penale relativa alle manifestazioni di cui, insieme ad altri, Conte fu protagonista nel gennaio del 2011 quando, cioè nella discarica Italcave, entravano i tir provenienti dalla Campania.

“Non sono qui solo per parlare di questa condanna – ha esordito l’ambientalista – ma per puntare il dito contro chi e cosa non va qui a Taranto ed in particolare a Statte. La mia prima accusa è rivolta verso il sindaco Angelo Miccoli che non ha iniziato una battaglia come dovrebbe altrimenti non ci troveremmo oggi ad aver speso 200.000 euro di ricorsi finiti male contro la discarica Italcave che, continua a ricevere i rifiuti d’oltre Regione”.

Dai primi di febbraio, infatti, giungono nell’impianto di contrada La Riccia i tir provenienti dalla Calabria.

“A Statte il paradosso è che la gente fa la raccolta differenziata e siamo la capitale dei rifiuti per la presenza della discarica che non avrebbe dovuto ricevere le deroghe con cui, invece, va avanti dall’agosto del 2010, senza considerazione che si trova su un sito considerato a rischio ambientale”.

Conte punta l’indice anche contro la Provincia. “L’assessore Mancarelli – chiarisce – prima di Natale ha convocato i sindaci e poi va a Bari per l’Aia, ma non ha mai parlato di rivedere le volumetrie a tutte le discariche ioniche che non servono certo solo al territorio visto che ricevono rifiuti d’oltre Regione. Nelle altre città si manifesta contro l’apertura di discariche che servono alle stesse comunità e qui abbiamo discariche che, super autorizzate, aprono i cancelli ai rifiuti di fuori. La Procura dovrebbe aprire un’indagine proprio sulle volumetrie ingiustificate perchè se esiste un sistema Ilva potrebbe esistere anche un sistema discariche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche