17 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Ottobre 2021 alle 00:33:00

Provincia di Taranto

Scuole sporche. La Destra: “Uno scandalo”


SAN GIORGIO – E’ cominciato stamattina presto il trascolto dei banchi dalla scuola elementare “Nesca” alla media “Pascoli” per consentire, già da domani, la ripresa delle lezioni. L’istituto scolastico Nesca è stato chiuso per verificare la causa delle infiltrazioni ed eventuali danni ai solai. Una settimana di tempo è quanto si è preso il sindaco Giorgio Grimaldi per consentire ai tecnici di garantire la sicurezza ai ragazzi. Intanto si riaccende il dibattito sulle condizioni delle strutture scolastiche in città. Tema scoppiato in tutta la sua gravità quando, oltre un anno fa, fu chiusa per rischio crollo la scuola materna “Pier della Francesca”.

Oggi come allora è sempre il coordinatore cittdino della Destra, Arcengelo Alfeo (nella foto) a polemizzare nei confronti dell’amministrazione comunale. “Oggi – dice – purtroppo i fatti mi danno ragione. Quando nel 2011 sollevai il problema degli edifici scolastici di San Giorgio definendoli da terzo mondo, specchio fedele di una cittadina fatiscente e sfortunata poichè in tutti questi anni non ha saputo partorire un’amministrazione credibile è capace che facesse fare l’auspicato salto di qualità alla nostra cittadina”. Ma il problema delle condizioni delle scuole pubbliche in città si arricchisce di altri fatti. “Il problema è sempre lo stesso – chiosa Alfeo – lo stato di precarietà in cui versano le scuole di San Giorgio, ma in maniera più marcata adesso va messo in risalto lo stato poco igienico degli stessi edifici scolastici. Lo testimonia il fatto accaduto all’edificio Maria Pia edificio storico di San Giorgio ex ospedale militare edificio costruito con criterio dai nostri avi oggi miseramente tenuto dai nostri amministratori. Il problema igienico è esploso come una bomba ad orologeria in tutta la sua fattezza, i bagni scolastici sono in uno stato pietoso le aule trascurate in alcuni casi con pareti fatiscenti. Ma al danno aggiungerei la beffa: una scuola pubblica dove si chiede ai genitori di pulire o di pitturare. Siamo al paradosso. Alcuni giorni fa alcune mamme e papà sensibili ovviamente al problema dei loro figli hanno pulito alcune aule e i loro bagni di pertinenza trovandole in uno stato a dir poco scandaloso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche