Provincia

Tocca al consiglio. Chi entra e chi esce


GROTTAGLIE – Si riunisce oggi il primo consiglio comunale post-verifica. Alle ore 17 la convocazione per discutere di argomenti importanti come il centro servizi per l’agricoltura e la pubblicazione all’albo pretorio dei permessi a costruire. 

Argomenti che certamente catalizzeranno l’attenzione dei cittadini, ma ancora di più gli occhi sono puntati su chi, tra giunta e consiglio, da oggi siede per la prima volta in aula.

L’ingresso in giunta di Maurizio Stefano, al quale il sindaco ha assegnato la delega all’Ambiente, porta in consiglio comunale l’assessore uscente Gianni Di Carlo in rappresentanza del gruppo dei Cattolici per il sociale. Il suo debutto in aula da consigliere comunale aprirà verso la politica riformista-sociale.

Ma Di Carlo sembra pronto a prendere posizioni anche dure nei confronti del nuovo assetto politico di maggioranza. “Voterò di volta in volta sempre e comunque seguendo le linee del movimento” ci dice. Ma la verifica sta stretta a tanti. A Marco Orlando dei renziani che ha già preso le distanze dalla coalizione Grottaglie Oltre. Al consigliere Francesco Donatelli che non ha fatto segreto della sua contrarietà a come è stata gestita la verifica (“Il Pd e il sindaco hanno svolto trattativa, non tra organismi politici, ma tra gruppi che rappresentano il singolo”) e della volontà di ridiscutere l’intera segreteria cittadina del Pd. La verifica sta stretta ai consiglieri dell’Idv che sono già passati all’opposizione (Trivisani, Belsorriso e Fedele) creando, così, un equilibrio instabile nei numeri: undici di maggioranza e tredici di opposizione.

Una maggioranza ufficialmente risicata che può, però, contare sui cosiddetti aghi della bilancia. Mauro Liuzzi ha lasciato Sel e voterà di volta in volta. Stasera in consiglio fa il suo debutto anche Ermenegildo Bais che entra al posto di Giuseppe Guarini, assessore all’Agricoltura per la Puglia per Vendola. Bais, però, è stato eletto nelle liste di Sel che resta all’opposizione. E’ quindi da verificare come si propone alla maggioranza. Lui, Bais, che nel 2008 fu tra i firmatari del manifesto dei Cattolici per il Sociale. In giunta debuttano, invece, Marangella del Pd e Santoro dell’Udc (non eletti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche