Provincia

Un’Ape Car green

Per il ciclo di incontri con i bambini di Pulsano sul tema “S.O.S. Natura”


“Solo i bambini possono cambiare il mondo. Cerchiamo di insegnare loro il rispetto dell’ambiente, visto che le passate generazioni non hanno dato buoni esempi” così il sindaco di Pulsano, Francesco Lupoli, al termine della prima delle tre giornate di educazione ambientale dedicate ai 400 bambini dell’istituto comprensivo statale Giannone (coinvolti oggi e domani nell’auditorium comunale) e dell’Azione Cattolica Italiana (sabato pomeriggio nel salone della palazzina Nostra Signora di Lourdes) .
Il tour del progetto “S.O.S. Natura”, che ha già toccato 23 comuni pugliesi, arriva a Pulsano a bordo dell’iconico ape car. Obiettivo: promuovere a scuola tutte le pratiche utili a salvare il pianeta. Organizzato da Ercav, società che in paese si occupa di igiene urbana, e dall’assessorato comunale all’ambiente, con la collaborazione di quello alla pubblica istruzione, sarà utile, inoltre, per il raggiungimento di importanti riconoscimenti come quello dei Comuni Ricicloni o della Bandiera Blu di Legambiente.
Un’ape car “speciale” rispetto a quella utilizzata dagli operatori ecologici in servizio, perché rivestita completamente con stampa color prato, sarà parcheggiata in questi giorni appena fuori le location degli eventi, proprio per costituire un simbolo inequivocabile di ciò che sta avvenendo all’interno.
Sollecitati da domande come “Siamo troppi sulla Terra? Ci sono abbastanza risorse per tutti? Siamo un popolo di spreconi? Quanto è pericoloso l’effetto serra? Fa troppo caldo ? E se finisse l’acqua? Perché scompaiono i polmoni della terra? Perché è importante riciclare?”, i ragazzi, con l’aiuto dei propri docenti, hanno realizzato una serie di cartelloni e manifesti che saranno presentati in questa occasione e che faranno bella mostra rimanendo lì esposti. Potranno così testimoniare in prima persona quanto sia importante impegnarsi per salvare il pianeta.
Gli incontri, condotti da un esperto di educazione ambientale, servono a spiegare ai bambini come smaltire i rifiuti e riusare gli oggetti per ridurre gli sprechi e imparare a ricreare. Si riesce così a formare e consolidare una coscienza ambientale, di fondamentale importanza per la formazione civica dei cittadini di domani, ed a fornire un ulteriore canale di comunicazione per far arrivare alle famiglie, in via indiretta, informazioni sul sistema cittadino di raccolta dei rifiuti.
L’assessore all’ambiente Fabrizio Menza, infine, ha detto: “Continuano attivamente la formazione e la sensibilizzazione sull’ambiente con lo scopo di migliorare il nostro pianeta. Sono sempre più convinto che solo noi possiamo lavorare ad un futuro migliore e che dobbiamo farlo coinvolgendo i più piccoli attraverso percorsi che li avvicinano al tema del rispetto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche