Provincia

Un parco archeologico per lo sviluppo turistico della costa Di Pulsano

Nel rispetto dei vincoli paesaggistici esistenti, per favorire la valorizzazione di un sito archeologico importante ma poco conosciuto e mai realmente sviluppato 


 

 Il progetto di sistemazione del Parco Archeologico, rappresenta certamente una linea di continuità rispetto alle attività di pianificazione urbanistica del Comune di Pulsano che, in questo anno ha operato molto sulla sostenibilità turistica della costa, orientata alla salvaguardia del paesaggio esistente, ma anche alla creazione di nuovi paesaggi di qualità, in senso innovativo e in termini di riqualificazione e restauro paesaggistico di ambiti marginali e degradati, affermando la centralità della qualità dei luoghi di vita delle comunità come componente irrinunciabile delle strategie di gestione del territorio” – dichiara l’assessore Luigi Laterza.

Il Sindaco Francesco Lupoli esprime grande soddisfazione per tale progettualità che va verso la tipologia di interventi atti a valorizzare e preservare le bellezze paesaggistiche e archeologiche del nostro territorio.

 Il progetto proposto riguarda un piano di intervento per il recupero, la riqualificazione e la valorizzazione del sito archeologico e dell’insediamento protostorico di Torre Castelluccia. La proposta è stata presentata all’ufficio tecnico del Comune di Pulsano dalla Società Poseidon S.r.l., proprietaria dell’area oggetto di intervento. Le aree sono in località Lido Silvana, sulla Litoranea Salentina, meglio in prossimità della Strada Provinciale n.122. L’intervento proposto risulta essere un progetto di fattibilità e di valorizzazione di un sito archeologico tutelato secondo la Legge dell’01.06.1939, n.1089 “Tutela delle cose d’interesse Artistico o Storico”. Il piano di intervento per il recupero, la riqualificazione e la valorizzazione dell’insediamento protostorico di torre Castelluccia, intende partire proprio dalla potenziale interazione espressa sul territorio attraverso un’area archeologica posizionata su uno delle sette punte che caratterizza la costa del Comune di Pulsano. Da sempre infatti, la cultura, il paesaggio e lo sviluppo turistico ed economico permettono di rafforzare la capacità del territorio e di proporre le tradizioni delle diverse realtà locali, promuovendo, così, anche borghi e paesaggi fino ad oggi poco noti. In tal senso il recupero del patrimonio pubblico di pregio, in una logica di partenariato pubblico-privato, ha la possibilità di essere letto non più solo in termini di costo (mantenimento oneroso di siti archeologici con vincoli ministeriali), ma anche come significativa leva di sviluppo per nuove economie di scala (crescita locale e potenziamento dei sistemi turistico-culturali). In questa ottica si sostiene la presente progettualità, o meglio un piano di valorizzazione mediante elementi di carattere provvisorio, nel rispetto dei vincoli paesaggistici esistenti, per favorire la valorizzazione di un sito archeologico importante ma poco conosciuto e mai realmente sviluppato. 

L’intervento intende quindi poter offrire attraverso l’investimento privato della società “Poseidon S.r.l.”, la possibilità di attrezzare un parco archeologico e paesaggistico, mediante una serie di percorsi sostenibili da chiunque, oltre a spazi attrezzati fruibili e soprattutto un luogo capace di coadiuvare la cultura con lo svago e nello stesso tempo poter offrire ai turisti un luogo di sosta, capace di valorizzare il paesaggio costiero.

Il progetto di sistemazione del Parco Archeologico, rappresenta certamente una linea di continuità rispetto alle attività di pianificazione urbanistica del Comune di Pulsano che, in questi anni ha operato molto sulla sostenibilità turistica della costa, orientata alla salvaguardia del paesaggio esistente, ma anche alla creazione di nuovi paesaggi di qualità, in senso innovativo e in termini di riqualificazione e restauro paesaggistico di ambiti marginali e degradati, affermando la centralità della qualità dei luoghi di vita delle comunità come componente irrinunciabile delle strategie di gestione del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche