11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Maggio 2021 alle 21:25:15

Provincia

Per Conte il Municipio non è da ristrutturare


STATTE – Qualcosa non quadra in merito ai finanziamenti a Statte finalizzati a risarcire i danni subiti dal tornado del 28 novembre scorso.

Vincenzo Conte, esponente dei Verdi Ecologisti di Statte, rende noto che il Comune ha inserito tra gli immobili da ristrutturare con i finanziamenti regionali anche la sede del municipio e la scuola elementare Giovanni XXIII. Eppure queste strutture non sono state neanche sfiorate dal tornado. 

«Inoltre il Comune – spiega Conte (nella foto) – aveva istituito un conto corrente di solidarietà dove in molti hanno dato il loro contributo. Sono stati raccolti circa 50.000 euro. ll Comune aveva garantito che avrebbe fatto una commissione per decidere come utilizzarli. Ma ora mancano circa 20.000 euro e il Comune non sa dire come siano stati spesi».

Cifre non grandi, ma che sono state donate per aiutare i privati e che alle poche famiglie ancora senza casa farebbero comodo». Intanto tra le “anomalie” c’é l’atto del dirigente della Protezione Civile, Luca Limongelli, nel quale, tra gli immobili da ripristinare, figurano anche la sede comunale (200 mila euro) e la scuola elementare Giovanni XXIII (150 mila euro), che da oltre un anno é chiusa.

«Sia la sede comunale che la scuola Giovanni XXII non sono state minimamente toccate dal tornado – conferma Vincenzo Conte. L’atto del dirigente é in risposta alla richiesta della Regione Puglia con la quale si dava conferma dell’erogazione di due milioni di euro. Finanziamenti dei quali non é ancora arrivato nulla e che serviranno a finanziare gli interventi alle strutture danneggiate». A pagarne le spese, come sempre, sono le famiglie che non sono state risarcite. Circa cinque famiglie stattesi si stanno ancora arrangiando in hotel o alloggi di fortuna. E per le strade restano ammassi di macerie e di rifiuti, anche in amianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche