27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 12:48:00

Provincia di Taranto

“Il Comune ci sottrae i tagliandi per la mensa”


SAMSUNG DIGIMAX 420

CAROSINO – La miccia fa esplodere la bomba. In città alcune mamme sono infuriate per quanto sta accadendo. “Il Comune – ci dicono due di loro – ci sta sottraendo i tagliandi per la mensa scolastica”. 

Ma andiamo per ordine.

Nella scuola materna Agazzi-Rodari il costo del libretto per venti pasti è di 53 euro, mentre alla scuola elementare “Aldo Modo” l’importo sale a 72 euro.

Non c’è distinzione di reddito.

A fronte di questa spesa le famiglie (da non dimenticare già gravate dalla crisi) ottengono un servizio. Ogni giorno, cioè, le mamme consegnano alle maestre il tagliando che consente ai propri figli di usufruire del pasto. Fin qui nulla di strano. Il caso nasce a febbraio scorso quando alcune mamme si sono recate in Comune per ritirare il nuovo libretto. “Ci siamo viste sottrarre alcuni tagliandi con la motivazione di aver usufruito della mensa senza consegnare il ticket giornaliero” ci spiega una di loro “ma ho potuto dimostrare che mia figlia in quel periodo non aveva pranzato a scuola”. Un caso singolo?

No, perché anche altre mamme sono state protagoniste dello stesso episodio. “Anche a me hanno tolto i tagliandi” ci dice un’altra di loro.
“Il problema – spiega un’insegnante – è che nessuno annota i tagliandi, ma ci si basa sulla presenza degli alunni in classe. Il fatto è che non tutti poi pranzano. Peraltro non tocca a noi insegnanti registrare quanti pasti al giorno si consumano”.

“Al danno di pagare una tariffa così alta per la mensa – commenta un’altra mamma – la beffa di vedersi sottrarre tagliandi senza poter dimostrare che siamo state puntuali nella consegna”.

Diventa, infatti, la parola delle mamme contro quella del Comune. Nessuno dei due può dimostrare se quel singolo alunno abbia potuto o meno usufruire in un determinato periodo della mensa scolastica. Quindi è il classico cane che si morde la coda. Il Comune rischia di perdere soldi e le famiglie si vedono penalizzate da un sistema che non funziona a garanzia di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche