26 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Luglio 2021 alle 17:47:00

Provincia di Taranto

Sud in Movimento, porta i politici alla 167


GROTTAGLIE – Continuano le esperienze di politica partecipata fra cittadini e amministrazione proposti dall’associazione politico-culturale “Sud in movimento”. Questa volta nel quartiere 167.

Dopo la prima “Assemblea di quartiere” del 21 aprile nella quale i numerosi cittadini intervenuti chiedevano un confronto diretto con il sindaco e con gli assessori interessati, per discutere delle problematicità del proprio quartiere, Sud in movimento, si è fatta carico di invitare il sindaco Ciro Alabrese, il Vice Sindaco e assessore all’ambiente Maurizio Stefani e gli assessori Giuseppe Guarini, con delega al verde pubblico e Alfonso Annicchiarico ai lavori pubblici, ad una seconda assemblea tenutasi il cinque maggio in via Marzabotto, nella zona 167.

Dal confronto tra amministratori e cittadini (un momento dell’assemblea nella foto) è scaturito un dialogo che ha evidenziato alcuni punti critici tra cui la scarsa manutenzione del verde pubblico, la pulizia delle strade e dei marciapiedi, il randagismo e l’assenza di un controllo efficace delle forze dell’ordine.

Dall’altra parte, i vari assessori hanno chiesto una maggiore collaborazione della cittadinanza con le istituzioni locali ed una maggiore attenzione alla tutela del bene comune molto spesso oggetto di atti vandalici.

Gli assessori, infine, si sono impegnati a far ripulire e sistemare la zona entro la fine del corrente mese e a verificare, per quanto attiene lo spazio prospicente le palazzine di via Marzabotto, quali siano gli spazi di proprietà comunale e quali quelli degli Iacp per cercare quindi una soluzione allo stato di degrado urbano del luogo.

Il consigliere Ciro D’Alò con l’associazione Sud in Movimento ha fissato con i cittadini del quartiere 167 e con gli assessori presenti la prossima assemblea di quartiere per il mese di settembre durante la quale si verificherà se gli impegni dalle parti saranno stati rispettati.
Nel frattempo Sud in Movimento continuerà a portare avanti questo tipo di politica partecipata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche