25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 20:54:00

Provincia di Taranto

“Le casse sono vuote, ma saremo creativi”


CRISPIANO – E’ già seduto al suo posto. Sulla poltrona di sindaco, nell’ufficio del Comune.  Egidio Ippolito con i suoi 4.835 voti è il nuovo sindaco della città delle cento masserie.  

Non ha perso tempo e all’indomani dello scrutinio si è insediato a Palazzo di Città. E’ già al lavoro. Il suo primo impegno era quantificare la disponibilità economica dell’ente pubblico.  

Sindaco, come è la situazione finanziaria del Comune di Crispiano?
“Preoccupante perchè non ci sono più soldi. La situazione non investe sicuramente solo il nostro Comune, ma qui le casse sono vuote e l’attività amministrativa è praticamente ingessata”.

Vuol dire che non si può fare nulla? Ed allora come rispondere alle estigenze della comunità crispianese?
“Nonostante non ci sia la moneta da presidente della Pro Loco ho dimostrato che in qualche modo, usando la creatività, si riesce ad arrivare lontano. Useremo lo stesso sistema anche per amministrare la città”.


Con quale squadra? Ha già pronta la giunta?

“Non ancora, ci stiamo lavorando”.

Con quale criterio sceglierà i suoi assessori?
“Sicuramente puntando sull’esperienza e sulle capacità. Ci sono settori importanti da gestire, penso al Bilancio o all’Urbanistica. Ma comunque assegnerò una delega a tutti gli undici eletti, perchè voglio rensablizzarli tutti con il coinvolgimento totale nell’attività di gestione del Comune”.

Da presidente della Pro Loco a Sindaco. Come vive questa metamorfosi?
“Sinceramente è un volo pindarico quello che ho compiuto, perchè l’esperienza trentennale da presidente è cosa ben diversa da quella di sindaco. L’impatto è notevole, ma intendo essere un sindaco che non resterà seduto dietro la scrivania. Voglio state tra il popolo, per strada, come ho fatto finora. Voglio controllare cioè di persona il territorio”.

Quale sarà il suo primo impegno?
“Ci sono scuole che vanno ristrutturate per consentirne la ripresa a settembre. E’ questa sicuramente una priorità su cui intendo lavorare fin da subito”.

Come analizza il risultato elettorale? Il centrodestra ha strappato lo schettro del governo cittadino dopo dieci anni al centrosinsitra…
“Ben 1.600 voti di distacco vogliono sicuramente dire che c’è la voglia di rinnovamento. Gli altri erano sicuri di vincere, ma il popolo ci ha dato ragione. In campagna elettorale non ho voluto parlare di quello che era stato fatto e credo che l’umiltà e la semplicità siano stati l’arma vincente”.

Il primo amore non si scorda mai. Trent’anni impegnati nella promozione del turismo locale. Si continua su questa strada?
“Certamente, ci sono già in programma appuntamenti per luglio ed altri eventi che intendiamo promuovere su tutto il territorio comunale, anche nelle periferie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche