04 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Dicembre 2021 alle 16:57:00

Spettacolo

Bagno negli argenti e negli ori del MarTa


Ti coprirò d’oro e d’argento: un “bagno” negli ori e negli argenti dalla Taranto antica e suo territorio. Visita tematica guidata alle vetrine degli ori ed argenti del Museo MarTa (Museo Archeologico Taranto). Domani, venerdì 2 agosto alle ore 17,30 al Museo Archeologico in via Cavour, un appuntamento assolutamente alla riscoperta delle antiche oreficerie ed argenterie tarantine godibili in una bella preserata estiva Museo Archeologico MarTa.

Consigliato anche ai bambini.

Straordinaria profusione di metalli preziosi, le tecniche di lavorazione, i significati simbolici e mitologici delle forme e dei decori, i rituali, le botteghe: l’archeologa dott.ssa Giovanna Bonivento Pupino, esperta in argenterie ed oreficerie antiche della Magna Grecia, non si risparmierà ad animare l’attenzione dei visitatori.

Grandi e piccini seguiranno le narrazioni su principesse, regine e divinità che indossarono i meravigliosi gioielli esposti nel nostro Museo.
Sarà una visita niente affatto noiosa ma condotta con professionalità scientifica e didattica adattando la comunicazione a grandi e piccini.
Non si mancherà di ammirare gioielli bellissimi anche in terracotta dorata o dipinti sulle ceramiche.

Offrire a ospiti figli e nipoti un incontro estivo di cultura elevata al MarTa può lasciare il segno culturale di una vacanza ospitale per amici e parenti e contribuire ad essere orgogliosi dell’l’immagine culturale di Taranto grazie al suo spessore di antica polis città capitale della Magna Grecia. La visita guidata agli ori ed argenti del Museo MarTa è organizzata da Pro Loco di Lama ed Associazione Kerameion Onlus che si occupa di integrare persone con disagio sociale e diversa abilità attraverso la manipolazione dell’argilla e la conoscenza dell’antico artigianato artistico magnogreco.

Info e prenotazione: 0997771532.

Giovanna Bonivento Pupino è esperta in didattica museale ed archeologia della Magna Grecia. Profonda conoscitrice delle argenterie ed oreficerie ellenistiche. Specializzata in archeologia e storia dell’arte greca e romana con tesi sulla lavorazione a sbalzo e cesello dell’antica produzione toreutica tarantina magnogreca ed ellenistica alla Facoltà di Lettere Indirizzo archeologico Università di Padova.

La sua tesi sugli atelier sprovincializza le oreficerie ed argenterie dando alle fabbriche una connotazione più ampia, mediterranea, in cui furono implicate le corti ellenistiche (III secolo a.C.) d’Egitto e di Macedonia. Dal 1970 si occupa di divulgazione didattica dei Beni Archeologici e Culturali della Taranto magnogreca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche