Spettacolo

Taranto come New Orleans. Sul palco Enrico Rava

Stasera, per la stagione concertistica il più grande jazzista italiano. Il 20 gennaio tocca a Fabrizio Bosso


TARANTO – Conto alla rovescia finito per il concerto di punta della stagione concertistica “Larry Franco Nights”. Enrico Rava, dopo diversi anni di assenza dalla scena musicale ionica, ritorna stasera per un concerto in collaborazione con Basilijazz, presso il Teatro Turoldo dove si tiene puntualmente in inverno la stagione concertistica di Larry Franco giunta alla sua quinta edizione.

Rava sarà accompagnato dal quartetto composto da Attilio Troiano (sax), Vincenzo Cristallo (chitarra), Giuseppe Venezia (contrabbasso) e Pasquale Fiore (batteria). Troiano e Cristallo sono tra l’altro docenti del centro musica del Borgo, la nuova associazione culturale sita in via Acclavio 12, specializzata in musica jazz di cui Larry Franco è supervisore.

Si è pensato di partire “alla grande”, confidando in una grande risposta di audience, per esorcizzare questo periodo buio che Taranto sta attraversando, e per dimostrare che “volere è potere”… anche con pochi mezzi.

La stagione concertistica va avanti da 5 anni, senza finanziamenti e si regge solo sull’ incasso del botteghino, e con l’aiuto di pochi amici sponsor che lo fanno esclusivamente acquistando qualche abbonamento. Fabrizio Bosso, altro big del jazz made in Italy, che sarà a Taranto lunedì 20 gennaio.

Enrico Rava è sicuramente il jazzista italiano più conosciuto ed apprezzato a livello internazionale. Da sempre impegnato nelle esperienze più diverse e più stimolanti, è apparso sulla scena jazzistica a metà degli anni sessanta, imponendosi rapidamente come uno dei più convincenti solisti del jazz europeo.

La sua schiettezza umana ed artistica lo pone al di fuori di ogni schema e ne fa un musicista rigoroso ma incurante delle convenzioni. La sua poetica immediatamente riconoscibile, la sua sonorità lirica e struggente sempre sorretta da una stupefacente freschezza d’ispirazione, risaltano fortemente in tutte le sue avventure musicali.

Tra la sua numerosa discografia sono da segnalare gli imperdibili Quartet (Ecm 1978) “Rava l’opera Va” (Label Bleu 1993), “Easy Living” (Ecm 2004), “Tati” (Ecm 2005) e “The Words and the Days” (Ecm 2007), New York Days” (ECM 2009),Tribe (Ecm 2218) e l’ultimissimo On The Dance Floor (Ecm 2293).

Non è difficile usare i superlativi per raccontare la sua avventura musicale, talmente ricco è il suo curriculum, talmente affascinante il suo mondo musicale, talmente lungo l’elenco dei musicisti con i quali ha collaborato, italiani, europei, americani: Franco D’Andrea, Massimo Urbani, Stefano Bollani (con cui suona da anni inun acclamatissimo duo) Joe Henderson, John Abercrombie, Pat Metheny, Archie Shepp, Miroslav Vitous, Daniel Humair, Michel Petrucciani, Charlie Mariano, Joe Lovano,Albert Mangelsdorff, Dino Saluzzi, Richard Gallliano, Martial Solal, Steve Lacy, Mark Tuner, John Scofield.  Ha effettuato tours e concerti in Usa, Giappone, Canada, Europa, Brasile, Argentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche