14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Aprile 2021 alle 15:33:27

Spettacolo

Bio Taras. Il museo in tv da Frizzi


TARANTO – Il Museo Bios Taras va in TV per farsi pubblicità. Ormai sono decenni che i titolari del Museo privato di Scienze Naturali Bios Taras, sito in Corso Umberto n. 160 in Taranto, cercano una sistemazione più idonea per le raccolte in esso contenute. Costituito moltissimi anni fa dai coniugi Aldo e Anna Bianchi e attualmente curato dalla figlia Daniela, il Museo ospita migliaia di reperti scientifici, oltre 4.000, provenienti dal mondo animale, vegetale e minerale. La parte più consistente è costituita dal settore entomologico che vede esposti oltre 3.000 esemplari tra cui giganti come l’Attacus atlas o la Morpho didius dai particolare colorazione metallica.

Meno consistente, ma sempre di grande interesse, l’esposizione di Conchiglie esotiche e mediterranee nonché di campioni di minerali provenienti da tutto il Mondo. Daniela Bianchi (nella foto), laureata in Scienze Ambientali e con un’esperienza acquisita in tanti anni di collaborazione con i propri genitori, ha pensato di dare pubblicità al suo Museo proponendosi ad una trasmissione televisiva di grande seguito quale “I Soliti Ignoti” condotto da Fabrizio Frizzi. Lo scopo è quello di evidenziare la necessità di trovare ambienti più ampi, anche al di fuori della propria città, perché i reperti possano essere esposti in maniera più sistematica ed avere maggiori spazi per visite di intere scolaresche. Queste visite verrebbero stimolate grazie ad una capillare pubblicità e favorirebbero un nuovo flusso turistico verso la nostra città. Daniela Bianchi confessa che di recente amministrazioni di altre località pugliesi avevano espresso parere favorevole ad un’acquisizione dei reperti, ma suo interesse è che le collezioni restino a Taranto. In questi giorni si parla di dismissioni da parte della Marina Militare di stabili di sua proprietà e sarebbe auspicabile che il Comune di Taranto tra questi ne trovi uno adatto a creare un Museo civico di Storia Naturale. La speranza della famiglia Bianchi è che questo avvenga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche