Spettacolo

Pinocchio, in scena la vita che si risveglia dal coma

Apuntamento con “Periferie”, una delle due principali rassegne teatrali


Si rinnova domenica, 26 gennaio, l’appuntamento con “Periferie”,  una delle due principali rassegne teatrali curate artisticamente da Clara Cottino e Gaetano Colella del Crest e programmata nell’ambito della residenza teatrale di Taranto finanziata dalla Regione Puglia e attuata con il Teatro Pubblico Pugliese.

Di scena lo spettacolo “Pinocchio”, di Valeria Raimondi ed Enrico Ca-stellani lavoro grazie al quale sul palco dell’auditorium del Tatà (in via Grazia Deledda, al quartiere Tamburi) approda, finalmente, la compagnia “Babilonia teatri”, la più premiata con Ubu per l’incisività del suo linguaggio teatrale e non solo negli ultimi anni.

“Pinocchio” è realizzato con gli “A-mici di Luca”, compagnia teatrale costituita da persone uscite dal co-ma che si autorappresentano in scena.

Lo spettacolo parla della vita che si risveglia dal coma, portandone in scena i segni, le debolezze, la forza, le durezze ed i suoi protagonisti con il loro dolore ed anche la loro inaspettata e liberatoria comicità.

Fuori da ogni copione, Pinocchio si articola sul vissuto di questi attori-non attori, guidati dalla voce fuori campo di Enrico Castellani, che, senza paure o falsi pudori, li stimola con domande talvolta ironiche e magari poco riguardose.

In filigrana ci sono “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, emblema della trasformazione dolorosa che alla fine della prima parte del libro cade in uno strano stato di coma, tra il grillo parlante – magari rappresentato dalla voce fuori campo – il paese dei balocchi e Lucignolo.

Sul palco salgono gli attori Enrico Castellani, Paolo Facchini, Luigi Ferrarini, Riccardo Sielli e Luca Scotton. Lo spettacolo, realizzato in collaborazione con “Operaestate Fe-stival Veneto”, è vincitore del “Premio Associazione Nazionale dei Critici di Teatro 2013”.

Sipario alle 21.

Costo biglietto: euro 13,00 (intero); euro 10,00 (ridotto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche