Spettacolo

Dopo il Festival, Diodato: “Sono pronto per il tour”

“C’è una cosa a cui tengo particolarmente: il Primo maggio tarantino. Un evento importante per la città al quale vorrei collaborare”


Alla fine ce l’ha fatta: è salito sul podio. Non sul gradino più alto, ma comunque sul podio. Ci riferiamo a Diodato, il “nostro cantautore”, con il quale abbiamo scambiato due chiacchiere dopo la maratona sanremese che lo ha visto protagonista indiscusso con la sua “Babilonia”.

Calato il sipario sulla kermesse e dopo aver metabolizzato un secondo, meritatissimo posto, quali sensazioni e quali pensieri prevalgono sugli altri?
“É stata un’esperienza meravigliosa che mi ha arricchito tantissimo dal punto di vista umano. L’ho vissuta con un gruppo di persone speciali che mi seguono da tempo ed ho condiviso con loro tutta la mia gioia. Ci sono momenti che non dimenticherò mai. L’affetto ricevuto, poi, da parte della città e da persone che fino a qualche giorno prima non mi conoscevano, ha squarciato ogni timore”.

C’è stato un momento in cui hai veramente creduto di essere ad un passo dalla vittoria?
“Ero consapevole sin dall’inizio che Rocco sarebbe stato imbattibile. Aveva un supporto enorme e sono felice per lui. È davvero un bravo ragazzo e con un gran talento. Speravo di riuscire ad arrivare in finale e così è stato. Sono soddisfatto del risultato. Sanremo mi ha permesso di arrivare nelle case di tantissima gente e spero di incontrarne tanta nel prossimo futuro”.

C’è chi, parlando della tua “Babilonia”, l’ha definita un po’ caotica e con un testo ermetico. Ma con un crescendo finale in grado di catturare l’attenzione del pubblico: pensi che questo, in qualche modo, sia vero e possa averti penalizzato?
“Non saprei, ho sentito tantissima gente che l’ha definita anche la migliore canzone del Festival. O-gnuno ha la sua opinione ed è giusto sia così. Ramazzotti, Virzì e molti altri artisti hanno detto cose incredibili e li ringrazio. Le loro parole mi lusingano. La cosa che mi fa più piacere, però, in questi giorni è ricevere centinaia di messaggi di persone comuni che mi scrivono cose meravigliose. Questo è un gran regalo”.

Ora inizia il momento della promozione del disco: un’avventura nuova. Come vivi il tuo “dopo Sanremo”?
“Sono pieno di energia e non vedo l’ora di partire”.

C’è un tour nei tuoi futuri progetti?
“Inizieremo subito con un piccolo tour promozionale nelle Feltrinelli ed altri store in cui mi piacerebbe incontrare quanti mi hanno supportato in questi giorni, suonare qualche brano e parlare del disco. Poi inizieremo ad esibirci dal vivo in giro per lo stivale. A brevissimo troverete tutte le date sul sito ww-w.diodatomusic.it. Ma c’è una cosa a cui tengo particolarmente: il “Primo maggio tarantino”. É un evento di fondamentale importanza per la città e sarei felice di dare una mano in qualche modo”.

E la città lo aspetta. Per applaudirlo. Orgogliosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche