11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 10 Maggio 2021 alle 15:20:57

Spettacolo

Exeredati mundi, la via dolorosa con Enzo Avitabile

Il cantautore napoletano sarà protagonista con l’Ico tarantina di una suggestiva “Via Crucis” cantata della quale è autore di musica e testi


Una Via Crucis che, con l’aggiunta di una inedita 15^ stazione, la Via Lucis, si trasforma in un inno ai diseredati, in una via dolorosa del mondo: é la grande cantata scenica “Exeredati mundi” di e con Enzo Avitabile, il concerto previsto per questa sera, alle 21, all’Orfeo (in via Pitagora, 78) per la stagione concertistica “Eventi musicali” dell’Orchestra della Magna Grecia, inserito anche nel cartellone del My-sterium Festival.

Sul palco con il cantautore e sasso-fonista napoletano e con l’Ico tarantina diretta da M° Gabriele Di Iorio sale l’ensemble vocale “Canticum novum” diretta da Biagio Terracciano.

Nella cantata scenica Exeredati mundi – Via dolorosa del mondo, Avitabile fonde mirabilmente il pop, il ritmo afro-americano e la musica antica della ”Zeza” unita al canto sacro con la solennità dell’orchestra sinfonica.

Così come spiega l’artista, “Exeredati mundi è un inno ai diseredati del mondo che sempre – e da sempre – vivono ai margini della storia. Un mondo a sua volta diseredato; la lotta tra il bene e il male, la vita e la morte. Un requiem alla nostra anima che in ogni epoca vive la sua via dolorosa”.

L’opera si sviluppa in 15 eventi definiti “stazioni”, esattamente come succede nelle 14 della Via Crucis che trovano un angolo di speranza nell’ultima stazione aggiunta, la Via Lucis. I diseredati cadono e si rialzano fino alla “Luce” finale esattamente come fa il Cristo nella sua via.

La voce recitante prepara i singoli episodi alla ricerca di momenti di riflessione emotivamente guidati da una musica intensa e coinvolgente sempre in sintonia con i temi di partenza. Durante l’esecuzione il coro scandisce la solennità dei momenti, mentre l’orchestra riesce, anche senza le voci, a creare un effetto sonoro di grande descrizione dei fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche