27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 16:59:00

Spettacolo

Grottaglie, un festival anima le sere d’estate

Giovedì 3 luglio il concerto inaugurale


GROTTAGLIE – E’ un cartellone di grande spessore artistico quello messo a punto dall’associazione musicale “Domenico Savino” per animare l’estate grottagliese. Tanti, infatti, i nomi di prestigio e gli spettacoli che daranno vita al “Festival musicale Città delle Ceramiche”, evento che approda per la prima volta a Grottaglie dal 3 al 16 luglio.

“E’ un progetto artistico di largo respiro – ha dichiarato il presidente dell’associazione, Pierpaolo De Padova –  Dopo tre anni abbiamo deciso di portarlo a Grottaglie non solo per offrire al territorio l’occasione di assistere ad importanti concerti e rappresentazioni che abbracciano vari generi, ma anche e soprattutto per fare da richiamo ad un turismo culturale dal quale trarre tutti benefici”.

Presentato, questa mattina, alla stampa alla presenza di tre rappresentanti dell’associazione, del Sindaco di Grottaglie Ciro Alabrese, dell’assessore comunale al-la Cultura Maria Pia Ettorre, del presidente del Lions Club di Grottaglie Angelo Rotaia e del presidente dell’associazione “Koinè” Roberto Burano, il festival si articola su quattordici appuntamenti. Tre, invece, le splendide e suggestive location che faranno, di volta in volta, da scenario ai diversi spettacoli: l’atrio del Castello Episcopio, le Cave di Fantiano ed il Giardino Mediterraneo del Castello.

“Quest’anno abbiamo puntato su artisti e spettacoli di  elevato livello – continua De Padova – Basti pensare che il concerto che inaugurerà l’evento avrà come protagonista Vinicio Capossela. Ma attesissimi sono anche la violinista Francesca Dego, il premio Oscar Luis Bacalov, il pianista di fama nazionale Pierluigi Camicia ed il violinista pugliese, Carmelo Andriani. Alcuni di loro, tra l’altro, da tempo collaborano con la nostra associazione”.

Novità assoluta rispetto allo scorso anno è la costituizione dell’Orchestra Fisarmonica “Onivas” (pseudonimo, quet’ultimo, con il quale il musicista tarantino Domenico Savino era conosciuto in America). Una formazione che raccoglie giovanissimi talenti scelti dopo una serie di casting da varie parti d’Italia. E che a partire da luglio, oltre a far parte del cast delle due opere in cartellone, Elisir d’amore di G. Donizetti (10 luglio) e La Traviata di G.Verdi (16 luglio), proseguiranno il loro percorso musicale coordinati e preparati dai docenti della stessa associazione.

La direzione artistica del progetto è stata curata, oltre che da De Padova, dai Maestri Paolo Cuccaro e Giuseppe Riccio (vicepresidente dell’associazione musicale Domenico Savino).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche