11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Maggio 2021 alle 21:25:15

Spettacolo

L’amore fra teatro e guerra a L’Isola che vogliamo

Mercoledì sera al Cantiere Maggese l’attore e regista tarantino Piermario Salerno mette in scena un monologo che parla di omosessualità


L’amore omosessuale tra teatro e guerra: è questo l’argomento intorno al quale si snoda  lo spettacolo di scena domani, al Cantiere Maggese (largo S. Gaetano, nel Borgo antico), nell’ambito della 4^ edizione de “L’isola che vogliamo”.

Ancora una volta la fortunata manifestazione, da sempre palcoscenico privilegiato per giovani talentuosi, dimostra di essere in grado di restaurare l’antico fascino di questi vicoli, da troppo tempo abbandonati alla polvere.

Sul palco, alle 22, salirà il tarantino Piermario Salerno, interprete e regista dell’originale monologo della durata di 50 minuti.
“Amore in Guerra” racconta la storia del tenente Brian Keith e del soldato semplice David Patterson, militari americani che si conoscono per caso sul finire della seconda Guerra Mondiale.

Tra i due, attraverso tutte le difficoltà di un intorno e di un periodo storico difficili, nasce un fortissimo amore che li porterà a lottare e ad andare avanti, nonostante i momenti duri, in un mondo che li mette costantemente alla prova.

Attraverso la storia dei due militari, raccontata con umore e con uno stile personalissimo, vengono trattati diversi temi di straordinaria attualità, che non lasceranno il pubblico per nulla indifferente. “Amore in Guerra” è il racconto di una storia d’amore tra due uomini,che si accende in un accampamento militare americano, un cotesto complicato che dà la possibilità di affrontare diverse tematiche.

I ranghi militari, le mani sporche di sangue, la necessità di nascondersi da tutti, la paura della morte, il ritmo ben definito e il richiamo alla fantasia rendono il lavoro interessante, a tinte forti, ma con momenti divertenti, sostenuto unicamente dalla performance dell’attore, rinunciando totalmente alla scenografia a favore del lavoro fisico.

L’ingresso è gratuito

Info: 324:6208259.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche