18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Spettacolo

Bud Spencer: “Mangio ergo sum”


TARANTO – “Taranto é una miniera di bellezza, i giovani grazie a questo mare possono distrarsi e fare davvero tanto”. Parla così Carlo Pedersoli, in arte Bud Spencer. Lo abbiamo incontrato questa mattina all’Hotel Mercure Delfino, dove é arrivato per presentare il suo libro “Altrimenti mi arrabbio – La mia vita”, il più letto in Germania. Come la dobbiamo chiamare? “Ho 83 anni, ma il mio cervello é rimasto a quando ne avevo 28 ed ero Carlo, un giovane e atletico campione di nuoto. Bud é un personaggio creato dal pubblico, Bud Spencer in una notte può finire.

Carlo Pedersoli invece finirà quando me ne andrò io”. Nel libro Carlo incontra Bud. Sul bordo di una piscina parlano a lungo e si confrontano, raccontando i diversi aspetti della loro vita. Insomma una lotta tra quello che lei era e quello che é diventato. “Io credo che i valori che insegna lo sport sono cose che nella vita restano. Lo sport insegna a lottare con sé stessi, imparare a perdere, credere nei sani valori”. E’ per questo che lei dice che non é un attore? “Dicono che io sia l’attore italiano più famoso al mondo, in realtà io e Terence Hill abbiamo solo inventato il western comico, poi copiato dagli americani. Ma é una comicità gestuale, fa ridere quello che succede, non quello che viene detto”. Cosa racconta nel suo libro? “Parlo di un quarto della mia vita. Il libro inizia da quando sono nato. Appena sono nato pesavo sei chili. Poi racconto della mia infanza a Napoli, degli allenamenti di nuoto, delle Olimpiadi, fino alla carriera cinematografica, al sodalizio con Terence Hill e ad altre innumerevoli esperienze professionali oltreoceano”. Quali sono i programmi per il futuro? Tirerà i remi in barca? “Un altro aspetto importante della mia vita é stato il cibo. Cartesio diceva “Cogito ergo sum”. Io invece dico “Mangio ergo sum”. Vorrei scrivere un altro libro, questa volta però sarà un libro sulle migliori ricette italiana”. Che idea si é fatto di Taranto? “Taranto é davvero una bella città, il solo fatto che ha due mari rappresenta una ricchezza inestimabile. Mi sembra una città piuttosto tranquilla, però non ho visto giovani correre sul lungomare, godersi questa bellezza. Peccato!”. Alto quasi due metri, Bud Spencer é davvero un simpaticissimo “gigante buono”, con una vita alle spalle ricca di esperienze e di insegnamenti da trasmettere. Sulla terrazza del Delfino, lo accompagna l’avvocato Luigi Albisinni, candidato alla carica di sindaco di Taranto. Il celebre attore é stato, infatti, invitato dal Movimento “Taranto c’è”. Ogni pomeriggio Bud Spencer presenterà il libro alla cittadinanza. Intanto ci regala una copia e la firma. “Non mi alzo, mi ci vorrebbe un caterpillar” dice salutandoci dopo l’intervista.

Serena Scarinci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche