Spettacolo

Dall’Ambasciata turca a Taranto per seguire i Riti


TARANTO – Il Prof. Kenan Gursoy, Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica di Turchia presso la Santa Sede, é arrivato a Taranto per assistere ai Riti della Settimana Santa. L’evento é stato presentato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, dall’Arciconfraternita del Carmine. Al centro dell’incontro (un momento nella foto di Max) le religioni che convergono nel servizio in favore dell’uomo trovando in esso più elementi di unità che non di differenza, secondo quanto già costantemente affermato dal Papa Benedetto XVI.

La presenza dell’Ambasciatore è un onore per la città, ma è soprattutto un valore aggiunto perchè proprio durante la Settimana Santa, in cui si da eco all’anima cristiana della nostra identità, si realizza un’occasione di dialogo con l’Alto rappresentante di una nazione che ha chiara identità musulmana, sebbene l’organizzazione statale sia giustamente laica. Da due anni circa la Parrocchia del carmine, in collaborazione con il Liceo Archita ed il Liceo Aristosseno, sta proponendo iniziative di dialogo e scambio culturale tra differenti religioni, secondo quanto aveva affermato Papa Benedetto XVI: “quando le religioni convergono nel servizio in favore dell’uomo, esse trovano più elementi di unità che non di differenza”. Kenan Gursoy nasce ad Ankara, studia presso l’università di Rennes e La Sorbonne, è Dottore in Filosofia alla Ataturk University, diventa Professore Ordinario. Presidente del Dipartimento di Filosofia della Ankara University, decano della Facoltà di Scienze e Letteratura della Galatasaray University é anche conduttore del programma educativo “Climate of Thought”. “Sono l’ambasciatore – spiega Gursoy – della Turchia presso la Santa Sede ma non mi sono occupato di diplomazia, sono un professore di filosofia. Nella filosofia occidentale mi sono formato nella corrente dell’esistenzialismo francese e in quella orientale mi sono formato nella nostra tradizione del sufismo classico e delle sue influenze nel campo della letteratura e delle manifestazioni culturali turche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche