18 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Maggio 2021 alle 08:41:07

Spettacolo

Stagione concertistica, con Al Bano arriva il belcanto

Il popolare artista si esibirà accompagnato dall’Orchestra Magna Grecia


Per il primo concerto dell’anno nuovo della XXXIII stagione “Eventi musicali”, in programma per giovedì, 8 gennaio, al teatro Orfeo (in via Pitagora), torna ad esibirsi con l’Orchestra della Magna Grecia, diretta da in questa occasione da Alterisio Paoletti, un grandissimo cantante: Al Bano Carrisi.

Artista particolarmente amato dal grande pubblico per lo straordinario talento musicale, per la sua incredibile voce ma, soprattutto, perché uomo che nel tempo ha saputo mantenere la sua autenticità e l’attaccamento ai suoi valori originali.

Al Bano, infatti, ha scoperto la grande vocazione per la musica fin da bambino, quando trascorreva ore e ore del suo tempo suonando la chitarra all’ombra degli alberi della campagna del padre, a Cellino San Marco.

A soli 16 anni pensò di emigrare a Milano, seguendo le orme di Domenico Modugno: un autentico modello per chi, in quell’epoca, sognava una carriera nel mondo della musica.

Fu un periodo non facile, in cui fece i lavori più svariati, un po’ per mantenersi, ma anche per essere vicino alla gente e scoprire desideri e gusti; proprio in questo periodo ebbe i primi approcci con la musica leggera nel Clan di Adriano Celentano. Fu allora, come era consuetudine per gli artisti del gruppo, che scelse il suo nome diventando per tutti Al Bano. Passarono poco più di due anni quando firmò il suo primo contratto importante con la EMI: é l’inizio di una folgorante carriera che lo vede sempre nelle hit parade, come si diceva un tempo, inanellando una serie di straordinari successi discografici, come il mitico 45 giri “Nel sole” del 1967 che lo porta persino a partecipare al tour italiano dei Rolling Stones!

Successi come le sue canzoni “Io di notte”, “Pensando a te”, “Acqua di mare”, “Mezzanotte d’amore”, alcune delle quali ispirano anche diversi film di successo, durante uno dei quali conosce Romina Power che diventerà sua moglie nel 1970.

Nel 1982 ritira il “Golden Europe” dedicato all’artista che ha venduto il maggior numero di dischi, mentre nel 1984 vince il Festival di Sanremo con “Ci sarà”, interpretata assieme alla moglie. La voglia di cimentarsi con un repertorio da tenore lo porta ad incidere il disco “Concerto classico”, contenente brani tratti da opere di Tschaikowsky, Verdi, Donizetti, Puccini, Offenbach, Beethoven, Gounod e Bach. Una carriera e una biografia piena di consensi che fanno, del prossimo concerto a Taranto, un appuntamento assolutamente da non perdere. 

L’apertura sipario è prevista per le ore 21. Info: segreteria dell’Ico tarantina (in via Tirrenia nr. 4 – tel. 099:7304422 ed in via Giovinazzi nr. 28, cell. 345:8004520) o presso Basile Strumenti Musicali (in via Matteotti nr. 14 (tel. 099:4526853).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche