Spettacolo

Storia di una coppia come tante

Con Carlo Buccirosso per la stagione artistica


TARANTO – La storia di una coppia come tante, improvvisamente turbata da un evento, è al centro del racconto sul quale l’attore partenopeo, Carlo Buccirosso, ha costruito  “Una famiglia quasi perfetta”, il secondo spettacolo in cartellone per la XXIV stagione artistica curata da Renato Forte.
Mercoledì, 18 novembre, sarà il teatro Orfeo (in via Pitagora) a fare da palcoscenico alla rappresentazione teatrale.
Con ironia e sarcasmo, Buccirosso disegnerà i contorni della società odierna. Il suo sarà un racconto impietoso, forse anche per questo capace di catturare e convincere il pubblico, così come dimostra il successo riscosso nei teatri italiani in cui è andato in scena.
In scena, come si accennava, una coppia normale, come tante.
Lui e lei  si conoscono da poco, ma sono innamorati e desiderosi di mettere al mondo un bambino.
Esami, controlli, analisi, tutto in regola, ma il bambino tarda ad arrivare. La diagnosi è: spermatozoi pigri.
La coppia decide, allora, di rivolgersi al migliore dei luminari, il guru dell’inseminazione artificiale, ripromettendosi di andare avanti lo stesso con i loro progetti nel caso il bambino non arrivi. Ma il guru è lì per rassicurarli: anzi, dà loro la certezza di diventare genitori. E, infatti un giorno arriva lui, il figlio tanto atteso. Ma, come spesso accade nella vita e ancor più nelle commedie, c’è un… ma. Ovviamente, tutto da scoprire.
Gli attori protagonisti, diretti dallo stesso Buccirosso, anche autore del lavoro, sono quelli della compagnia “Enfi teatro” di Michele Gentile: Rosalia Porcaro, Gino Monteleone, Davide Marotta, Tilde De Spirito, Peppe Miale, Fiorella Zullo e Giordano Bassetti.
Attore di cinema e teatro di grandetalento, Buccirosso è noto anche come scrittore e sceneggiatore.
Gli esordi risalgono alla fine degli anni ‘80; il suo debutto cinematografico lo vede nel cast del film “L’ultima scena”, accanto ad Aldo Giuffré, Vittorio Caprioli e Marina Suma.
Dopo la pellicola “Amami” (2002), diventa uno degli attori prediletti di Vincenzo Salemme che lo dirigerà in molte pièces teatrali e nelle pellicole Premiata Pasticceria Bellavista (1998), L’amico del cuore (1998), Amore a prima vista (1999) e A ruota libera (2000). pellicole che gli danno l’opportunità di recitare accanto ad artisti del calibro di Maurizio Casagrande, Nando Paone e Biagio Izzo, spesso in ruoli che  rappresentano figure composte di piccolo-borghese di solito trafelato da qualche preoccupazione. Diventa anche uno degli attori più assidui per Carlo Vanzina, che lo dirige in pellicole come Febbre da cavallo, Le barzellette, In questo mondo di ladri; nel 2013 è nel film di Sorrentino “La grande bellezza”, premiato con l’Oscar.Questo il costo del biglietto: platea e 1° galleria, euro 35,00; 2° galleria e platea laterale, euro 28,00; 3° galleria, euro 22,00.
Sipario ore 21,00; ingresso in sala ore 20,30. Info e prevendita presso Box Office in via Nitti nr. 106 (telefono: 099:4540763.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche