Spettacolo

Comune di Palagiano, lettera al Prefetto

Rsu e Uil F.P. denunciano il depauperamento delle casse pubbliche


PALAGIANO – “I dipendenti del Comune di Palagiano, riuniti in assemblea generale convocata dalla Rsu e dalla Uil F.P., dopo ampia discussione sullo stato dei servizi e sulla gestione della casa comunale, che vede sempre più assottigliarsi la ormai sparuta pattuglia di dipendenti che, con grande sacrificio riescono appena a garantire il possibile nei servizi, vedono aumentare con grande solerzia ed attivismo le spese deliberate dalla giunta comunale”.

Così la Rsu e la Uil F.P. in una lettera inviata al pre-fetto di Taranto. “Dall’analisi si evince che la mancata corretta gestione dell’Ente Civico negli anni ha prodotto e continuerà a produrre abolizione di servizi e depauperamento economico delle casse municipali, dal sito web dedicato della Banca d’Italia, per l’anno 2015 risultano entrate per 19.451.505 euro,  spese  per 20.397.549 euro, differenza da coprire per circa 950.000 euro. Qualora si formalizzasse questo debito a carico dei contribuenti- proseguono i sindacati- ci sarà  un consistente aumento dei tributi e delle tariffe a loro carico, una rilevante ridotta spesa del personale, prodotta da decenni di insipienza e trascuratezza, se non di colpevole volontà per creare emergenza ed inefficienza della macchina amministrativa comunale, per poi scaricare sui lavoratori del Comune le responsabilità. Sono mancanti allo stato attuale un gran numero di addetti e si potrebbero assumere rapidamente almeno dieci unità lavorative creando occupazione ed efficienza. Da qualche mese detta pericolosa situazione è stata più volte denunciata dalla Rsu e dalla Uil F.P. al Sindaco, che pur prendendo l’impegno di intervenire a rimuovere le criticità evidenziate, allo stato attuale, si è costretti a denunciare l’assenza nell’organico del funzionario di ragioneria,  con il solo risultato ottenuto che tutti i pagamenti ai fornitori sono bloccati,  compreso lo stipendio dei dipendenti del mese di gennaio.

Non essendoci un costruttivo percorso di risoluzione dei gravi problemi denunciati- sottolineano le organizzazioni di categoria – l’assemblea ha deciso di avviare la mobilitazione dei lavoratori che, in questa prima fase, si concretizzerà con l’assolta adesione alle leggi e ai regolamenti non-chè al CCNL, al fine di garantirli nelle tutele giuridiche, contro una  gestione dei servizi  che se non già bloccati per il mancato pagamento dei fornitori e convenzionati potrebbero risultare imprudenti”.

Rsu e Uil F.P. chiedono al prefetto di intervenire presso l’amministrazione comunale e di convocare un incontro per analizzare quan-to denunciato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche