21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 09:30:12

Spettacolo

L’orchestra della Magna Grecia a ritmo di Tango


TARANTO – Una sabato sera in pieno centro della città a ritmo di tango, con l’Orchestra Ico della magna Grecia. Nell’ambito del solenni festeggiamenti in onore della Madonna del Carmine, curati dall’Arciconfraternita Maria Santissima del Carmine, viene offerto alla cittadinanza un concerto dell’Orchestra ICO della Magna Grecia dedicato al tango che si terrà alle 21.45 in piazza Carmine a Taranto. Protagonisti saranno l’Orchestra ICO della Magna Grecia, diretta nell’occasione da Maurizio Lomartire, e Mario Stefano Pietrodarchi al bandoneòn, lo strumento fondamentale delle orchestre di tango argentine. Durante l’esecuzione dei tanghi di Astor Piazzolla, in particolare, il concerto sarà “impreziosito” dalla performance di due ballerini di tango, Alejandro Angelica e Ornella Solar.

Tutto dedicato al tango il programma di questo concerto che vedrà suonare il bandoneòn Mario Stefano Pietrodarchi, uno dei massimi solisti viventi di questo particolare strumento musicale, simile a un fisarmonica, ma dall’inconfondibile suono che caratterizza l’esecuzione dei più celebri tanghi argentini. Strumento prediletto da Astor Piazzolla, il bandoneón è conosciuto fra i “tanghero” come “fuelle”, ovvero mantice o soffietto, e rappresenta l’anima delle orchestre argentine di questo genere musicale. La serata si aprirà con una Suite per bandoneòn e orchestra, composta da Fabio Conocchiella, che in questo brano ha reintepretato in chiave “tanghera” i temi di tre celebri colonne sonore di Ennio Morricone: “Nuovo cinema Paradiso”, “C’era una volta il West” e “The Mission – Gabriel’s oboe”. Seguiranno due brani di ispirazione tanghera scritti da Roberto Molinelli, uno dei più prolifici e talentuosi compositori italiani: “Poi qualcuno” e “Trittico per bandoneòn e orchestra”. Con l’esibizione dei due ballerini di tango, il gran finale del concerto vedrà l’esecuzione di quattro tanghi di Astor Piazzolla: “Oblivion”, “Adios nonino”, Ave Maria” e “Violentango”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche