20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 08:05:06

Spettacolo

Stasera Artaserse apre il Festival Valle d’Itria


MARTINA F. – Tutto pronto per la 38a edizione del Festival della Valle d’Itria, storico appuntamento lirico-sinfonico estivo tra i più importanti d’Europa. Oggi la prima serata con, alle 21, al palazzo Ducale l’opera Artaserse di Johann Adolf Hasse; un dramma per musica in tre atti di Gabriele Lavia. Fuori orario, alle 18, I concerti del sorbetto al Chiostro di San Domenico. Con un programma prestigioso e di altissimo livello artistico-culturale il Festival impreziosisce il magnifico territorio della Valle d’Itria a partire dalla città barocca di Martina Franca e dal suo Palazzo Ducale, dove stasera avrà luogo l’inaugurazione con l’opera di Hasse, Artaserse, capolavoro di teatro barocco in cui si rende omaggio anche al celebre cantante pugliese Farinelli che nel Settecento fu uno dei principali interpreti.

Il cartellone, con 29 appuntamenti fino al 2 agosto, è più nutrito rispetto al passato con quattro produzioni operistiche, anziché tre, e una nuova serie di concerti che serviranno a ravvivare il centro storico della città, con concerti strumentali a mezzogiorno della domenica e all’ora sesta del pomeriggio promuovendo anache l’attività di formazione della Fondazione Paolo Grassi con i migliori allievi dei Masterclasses intitolati a Gioconda De Vito e con i canti della notte, appuntamenti nelle chiesette del centro storico appositamente aperte dopo mezzanotte con i migliori allievi dell’Accademia Rodolfo Celletti . Il Festival che sente il richiamo del servizio pubblico alla cultura con quattro titoli in cartellone presenta due lavori di rarissimo ascolto, l’Artaserse di Hasse e Zaira di Bellini, e altri due assolutamente inediti: l’opera lirica contemporanea commissionata “Nur”, commissionata a Marco Taralli e ambientata nella prima notte dopo il terremoto a L’Aquila, che sarà presentata in prima esecuzione mondiale; l’originale riduzione drammaturgico musicale di un capolavoro del barocco, l’Orfeo del compositore pugliese Luigi Rossi di Torremaggiore, commissionata alla giovane compositrice friulana Daniela Terranova. Gabriele Lavia, al debutto con il barocco, inaugurerà il Festival, curando la regia di Artaserse di Hasse. Tiziana Fabbricini, Paolo Coni, Franco Fagioli e Edgardo Rocha, tra gli interpreti principali delle quattro opere, tornano sulle scene di Martina Franca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche