16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 15:43:58

Spettacolo

Un’edizione con primati di pubblico e successo


MARTINA F. – E’ calato il sipario su un’altra edizione del Festival, forse la più difficile per la crisi che in questo momento colpisce soprattutto la cultura. Lo ha ribadito l’altro ieri il Presidente del Festival Franco Punzi, in occasione della consegna del Premio Barocco dei Borboni al giovane direttore d’orchestra Giacomo Sagripanti, talento nato artisticamente proprio a Martina ed ormai proiettato verso traguardi internazionali rilevanti. Dopo aver elogiato le qualità artistiche del maestro Sagripanti, il Presidente del Festival della Valle d’Itria Franco Punzi, insieme al direttore artistico Alberto Triola, ha risposto indirettamente a chi teme per il futuro del Festival, affermando che il programma della prossima manifestazione è già delineato per grandi linee e che è certo che , dopo il successo di pubblico di quest’anno, anche il prossimo sarà ricco di soddisfazioni ed anche per la politica intrapresa da due anni nell’internalizzazione del Festival con le collaborazioni, coproduzioni e scambi con altri Teatri e Festival europei.

Nel corso di questa edizione si è sviluppato un percorso musicale spaziando dal XVII al XXI secolo, da Luigi Rossi a Daniela Terranova, da Johann Adolf Hasse a Marco Taralli, passando attraverso il Belcanto di Vincenzo Bellini e della scuola pugliese-napoletana di Cafaro, Leo, Traetta per arrivare a compositori come Arvo Pärt. Il concerto sinfonico conclusivo del Festival, nel solco del tema tra Occidente ed Oriente, ha presentato tre musicisti nordici: uno estone Arvo Pärt, una finlandese Kaija Saariaho ed uno russo Rimskij-Korsakov. Sul palco l’Orchestra Internazionale d’Italia, diretta da un altro giovane e promettente direttore, l’israeliano, Daniel Cohen (nella foto) che ha mostrato grande preparazione ed ispirazione insieme al violinista Francesco D’Orazio, grande protagonista al suo fianco nell’esecuzione delle musiche di Kaija Saariaho.

Gaetano Laudadio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche