11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Maggio 2021 alle 15:46:20

Spettacolo

La “Terra Magica” di Cimaglia

alla Masseria Canonico


Presentato alla stampa “Terra magica”, il nuovo progetto di Massimo Cimaglia che punta a valorizzare e promuovere il nostro territorio.

L’evento si svolgerà dal 9 al 10 settembre ed avrà come location la Masseria Canonico, a pochi chilometri da Massafra: il complesso settecentesco farà da palcoscenico naturale a varie forme artistiche – teatro, musica e danza – attraverso le quali saranno rievocate leggende, “narrati” luoghi, saranno praticati antichi mestieri e realizzati, sul posto e in tempo reale, prodotti del nostro artigianato come cesti, orecchiette, cannucciati per l’essiccatura di fichi (attività, quest’ultima, che sarà resa possibile dalla collaborazione con la Pro Loco di Crispiano).
A partire dalle 18,30 saranno tante le attività che coinvolgeranno gli ospiti che, tra l’altro, potranno scoprire il patrimonio storico-architettonico e naturalistico del territorio attraverso gli interventi di due esperti, Giulio Mastrangelo (presidente dell’associazione Archeoclub di Massafra) e il biologo Michele Attilio Masi).
Alle 20, infine, andrà in scena “Una fiaba rupestre” di Barbara Gizzi, spettacolo teatrale con musica dal vivo e danza. La regia è firmata da Massimo Cimaglia, anche protagonista del lavoro, il quale intende creare un’atmosfera che sottolinei la suggestione del territorio, vissuto – nel testo drammaturgico – come un sogno, una fiaba.
Si potrà conoscere il mondo della masseria: la vita contadina che ruota intorno alle stagioni, al clima, alle produzioni vitali, come l’olio, il vino, il grano, ma anche la nostalgia di chi ormai vive in città, il rapporto padrone-massaro con le sue problematiche, il senso del “nostos”, del tornare ai luoghi di origine scoprendone una nuova bellezza.
Lo spettacolo è arricchito da danze coinvolgenti e musica trascinante che attingono al patrimonio musicale pugliese, come la taranta o i canti tradizionali delle contadine.
Con Cimaglia in scena Marina Lupo, Debora Boccuni, Valeria Cimaglia, Simona Cucci, Antonello Conte, Giuseppe Colucci, Stefania Infantini, Claudia Cimaglia e i musicisti Simone Carrino e Bruno Galeone. La manifestazione si concluderà con una degustazione di vini.
«Da alcuni anni – racconta Massimo Cimaglia – sto inseguendo un sogno: quello di mettere il mio lavoro al servizio della mia città, del suo territorio e della sua bellezza. Bellezza che si esprime nella natura, nella storia, nell’arte, nelle tradizioni.
Questa volta mi cimento in un progetto molto articolato che vede coinvolte altre associazioni ed esperti appassionati e impegnati nella valorizzazione di questo nostro patrimonio.
Sono emozionato – conclude – e felice. Spero di contribuire a sviluppare un interesse sempre maggiore nei turisti per la nostra terra, non solo per il nostro straordinario mare, ma per tutte le meraviglie che possiamo offrire».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche