Spettacolo

Una premiere rara ed intensa al Mudi


TARANTO – Nel 1791 Giovanni Paisiello, fu invitato dal re di Polonia Stanislao Augusto a scrivere una grandiosa composizione per celebrare il primo anniversario della costituzione polacca appena promulgata. Quello stesso anno Paisiello compose per il re polacco il “Te Deum laudamus”, per doppio coro e grande orchestra, riscuotendo un successo straordinario. Il Te Deum fu eseguito a Varsavia il 3 maggio 1791, tuttora festa nazionale e fu riproposto nel maggio del 2004, per celebrare un altro grande evento, quando la Polonia, tornata libera, entrò a far parte, con altri dieci paesi dell’Unione Europea. Il concerto per l’occasione fu registrato (ed è l’unica registrazione esistente) grazie alla Fondazione Pro Musica Camerata di Varsavia.

Fa molto piacere che, dopo oltre due secoli, il compositore tarantino sia ancora ricordato anche in Polonia e sia stato scelto per celebrare un avvenimento storico internazionale di tale importanza. Paisiello fu musicista anche presso la corte di Caterina II di Russia, di Ferdinando IV, oltre che del re Stanislao di Polonia, dell’imperatore Giuseppe II, ed adorato da Napoleone del quale fu ospite a Parigi fino al giorno della sua incoronazione, per la quale compose una Messa solenne ed un altro possente “Te Deum”. Tra i canti sacri della tradizione cristiana, se ce n’è uno in grado di far tremare il cuore, anche a personaggi notoriamente anticlericali, è proprio il “Te Deum”. Quelle note, sgorgate nella magnificenza del gregoriano, in qualche modo evocano il Giudizio e la sentenza finale. Il Te Deum è un inno cristiano in prosa di origine antica. Il concerto in programma stasera alle 21 al Mudi, prevede una prima parte organistica ad opera del maestro Pierluigi Lippolis con l’”Inno del Re di Napoli” (composto in onore di Ferdinando IV nel 1787 ed adottato come inno nazionale delle Due Sicilie), l’Aria “Nel cor più non mi sento” e “Pièce pour orgue” ed a seguire il Coro Polifonico Choraliter diretto dallo stesso Pierluigi Lippolis con Danilo Tarso all’organo eseguirà il “Graduale per la messa dell’Epifania”, e la prima parte del “Te Deum” (o Inno Ambrosiano) composto dal “Te Deum Laudamus”, “Te aeternum Patrem”, “Tibi cherubim et seraphim”, “Sanctus”, “Pleni sunt coeli et terra”, “Te gloriosus”, “Patrem immensae maiestatis”. Concluderà il concerto l’esecuzione del “Magnificat” in Sol.

Gaetano Laudadio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche