21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 09:30:12

Spettacolo

Sulla Cavour l’ultima confessione del conte


TARANTO – “Discorso sul primato della coscienza”. Lo sberleffo di Cavour e la promessa di Padre Giacomo. Ieri sera a bordo della Portaerei Cavour, ormeggiata presso la Stazione Navale Mar Grande di Taranto, un evento culturale di livello accademico sul tema storico relativo alla confessione, in punto di morte, del Conte Camillo Benso di Cavour. L’evento, promosso su iniziativa dell’equipaggio della Portaerei Cavour ed organizzato in collaborazione con la Fondazione Cavour, sottolinea l’attenzione ad una continua ricerca di promozione di attività a carattere culturale legate alla figura dell’illustre statista italiano di cui la Nave della Marina Militare ne porta il nome. La tavola rotonda ha avuto come moderatore Don Alessandro Greco, parroco, docente e scrittore, nonché Direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Taranto.

I relatori intervenuti sono: il Prof. Lorenzo Greco, docente di sociologia della comunicazione presso l’Accademia Navale e autore del romanzo storico “Il Confessore di Cavour”, il prof. Fabio Pompeo Mancini, docente di Storia della Filosofia presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Taranto, Padre Angelo Manzini, Superiore di comunità francescane e autore del saggio storiografico “Padre Giacomo da Poirino e il Conte Camillo B. di Cavour, ed il Dott. Andrea Tornielli, scrittore, giornalista cattolico e vaticanista de “La Stampa”. All’evento hanno partecipato anche i vertici della Fondazione Cavour e delle rappresentanze di docenti e studenti dei licei locali e dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Taranto. L’evento ha riscosso un buon successo di pubblico interessato, oltre che a partecipare all’incontro, anche a passare un po’ di tempo su quella che è la nave portaerei tra le più innovative della flotta della Marina Militare. la nave infatti è stata costruita per combinare varie funzionalità fra cui anche il comando complesso e di trasporto di personale civile e militare e di veicoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche