Spettacolo

Le parole come un gioco in “Pinocchio testadura”

Lo spettacolo andrà in scena domenica 20 gennaio alle 18


Si gioca con le parole, tra rime e musica, in “Pinocchio testadura”, lo spettacolo per bambini in scena domenica, 20 gennaio, al TaTà (in via Grazia Deledda – quartiere Tamburi), per il cartellone dell’undicesima stagione di “favole&TAmburi”.
Scritto da Greta Belometti, anche autrice dei disegni di sabbia, il testo s’ispira all’opera di Gianni Rodari e, ovviamente, vede protagonista sempre Pinocchio, il burattino più famoso e amato del mondo. In questa versione della compagnia “Teatrop”, le sue avventure sono narrate – come si accennava, in rima. E alla maniera dei cantastorie, la narratrice si serve di disegni per il suo racconto, realizzati dal vivo, creati con la tecnica della sand art, l’arte di manipolare e trasformare in figure la sabbia distesa su un piano luminoso e proiettata su un grande schermo. I disegni appaiono, scompaiono e si trasformano al ritmo della musica e al suono delle parole. Durante il racconto compariranno la fatina, il gatto e la volpe, lucignolo, il domatore e tanti altri personaggi. E anche se grazie alla tecnica delle ombre Pinocchio non si vede, lui c’è. Giochi di parole, filastrocche, canzoni sono alla base dello spettacolo che rappresenta un’occasione imperdibile per stimolare i ragazzi all’ascolto e all’esercizio dell’immaginazione, ma invitando anche alla lettura, fondamentale per la crescita. è adatto ad un pubblico di bambini di età superiore ai 5 anni. Inizio ore 18; alle 17, come consuetudine, lo staff dello Junior TaTÀ attende il giovane pubblico per coinvolgerlo in una festosa animazione ludica. La partecipazione è libera e gratuita. “Teatrop” da oltre quarant’anni è centro di ricerca e formazione teatrale con sede a Lamezia Terme (Catanzaro). Nel 1976 diventa compagnia teatrale professionistica, dopo essere stata per un breve periodo collettivo e circolo culturale di studenti universitari. Dagli anni ‘80 organizza il festival di teatro in strada “TeatrOltre” e la rassegna di teatro per le scuole “Teatro Ragazzi”.
Organizza laboratori, seminari, corsi d’aggiornamento, scambi culturali in Italia e in Europa. Nel 2009 lo spettacolo “Olèe” vince il premio Ribalta come miglior attrice, nel 2013 lo spettacolo “La maledizione del sud” i premi come miglior attore e il premio della giuria al festival “AvantiAttori!”. La stagione 2019 di “favole&TAmburi” è parte di “Heroes”, progetto artistico triennale 2017/19 di Crest e associazione culturale “Tra il dire e il fare” (Ruvo di Puglia, Bari) in ATS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche