27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 21:58:00

Spettacolo

Tre big in concerto per aiutare Statte dopo la distruzione


STATTE – Un concerto o uno spettacolo. Comunque un evento eccezionale che potrebbe portare tre big di fama internazionale sui luoghi della devastazione. Al Bano Carrisi, Mariella Nava e Mimmo Cavallo hanno già dato la disponibilità ad esibirsi per aiutare la raccolta di fondi necessari per la ricostruzione dai danni provocati dal tornado del 28 novembre scorso.

Il sindaco Angelo Miccoli accoglie con favore questa proposta sperando di poter aiutare i propri concittadini che si sono visti scoperchiare le case, abbattere muri di cinta e distruggere quanto costruito con sacrificio durante gli anni. Già all’indomani del tornado l’amministrazione comunale ha attivato un conto corrente per le offerte volontarie (Banco di Napoli – Filiale di Statte. Intestati a Comune di Statte.Causale “Raccolta fondi emergenza Statte 2012” Codice Iban IT 56X010100419710000030 1084). Ma non basta perchè i soldi necessari a far tornare Statte alla normalità sono davvero tanti. Solo per i danni alle strutture pubbliche (piazze, chiese, scuole, pubblica illuminazione) servono circa 2,5 milioni di euro. Entro fine settimana gli ingegneri ed i tecnici che stanno periziando le abitazioni distrutte saranno in grado di quantificare, invece, il danno provocato ai privati. La gara di solidarietà comunque va avanti. Oggi presso le sedi di Teleperformance c’è una raccolta dal titolo “Regaliamo tutti insieme un sorriso a Statte”. Un contributo per la riapertura di scuole (resta da completare la bonifica dell’Amaldi,) e per l’erogazione di servizi primari (restano ancora tanti i pali della pubblica illuminazione abbattuti dalla furia del tornado e le strade sono andate distrutte). Insomma c’è tanto da fare e sicuramente il contributo di nomi importanti come quelli dei tre cantautori che hanno a cuore il futuro del territorio ionico è un segnale di speranza affinchè Statte torni ad essere quella che era prima del 28 novembre scorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche