17 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Aprile 2021 alle 18:16:49

Spettacolo

Gran finale con la scrittrice Antonella Fiore


TARANTO – Gran finale per Letterativo con il romanzo d’esordio di Antonella Fiore e la serata di musica e parole con Daniele Di Maglie. Ultimo appuntamento per “Letterativo” che questa volta si fa in due per chiudere in bellezza l’edizione autunnale. Domani sera alle 19.30, presso la libreria “Dickens”, il primo evento con Antonella Fiore (nella foto), scrittrice foggiana che presenterà il suo romanzo “Amorincorso”. Un libro da cui emerge una sensibilità unica e ripercorre un po’ di vita di tutti noi. Gli amori sono sempre in corso (come ricorda la famosa canzone di Claudio Baglioni), seguono o ancora meglio accompagnano il tempo e vivono lo spazio.

La protagonista, Fiamma D’Amore, “è una quarantenne alle prese con le sue teorie sulla vita di provincia, sul mondo della scuola e soprattutto sull’amore”. A conversare con l’autrice, Sara Trovato. Venerdì 14 alle 21.30 alle Fogge una chicca per Letterativo che oltre alle parole sconfina nella musica. Infatti il famoso cantautore e scrittore tarantino Daniele Di Maglie accompagnato dal giornalista Fulvio Colucci, presenterà i suoi libri: “La ballata dei raminghi adirati” e “L’altoforno”, tutto accompagnato dalla sua musica. Il primo è un romanzo futuristico in cui si prospetta un nuovo ordine mondiale. “L’altoforno” è composto da due racconti che hanno l’uno come protagonista e l’altro sullo sfondo l’Ilva d Taranto: “in Sisifo Re la minaccia di Sifone e dei suoi fratelli (le numerose ciminiere dell’Ilva) è concreta e personificata, e la resistenza della popolazione si struttura intorno al dissidente Sisifo; in Mala Estate Taranto è scenario delle aspirazioni di un giovane in cerca della propria collocazione ma oscillante fra ambizione e disincanto”. Due serate imperdibili per dare l’arrivederci a Letterativo. Antonella Fiore è nata a Foggia, dove attualmente vive. Dopo aver conseguito la laurea in Lettere presso l’Università di Bari e quella Magistrale in Scienze Pedagogiche a Foggia, insegna italiano. La scrittura è sempre stata una passione coltivata nel tempo, ma conservata nel cassetto, un atto di puro benessere riservato a se stessa e a pochi lettori. Pochi anni fa Gaetano Cappelli l’ha spronata ad andare avanti e coltivare al meglio questa passione, assieme all’amico Carlo D’Amicis, primo “lettore” di questo romanzo. Il coronamento di questo lavoro lo deve soprattutto alla famiglia “Manni”, impavidi e tenaci imprenditori; a loro va la sincera riconoscenza. Attualmente sta terminando di scrivere il suo secondo romanzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche