27 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2021 alle 16:43:00

Spettacolo

Una domenica con il trio Ayesha e la Magna Grecia


Ci sono artisti che riescono a stupire per le loro scelte. Come il Trio Ayesha, che da sempre propone, grazie a un attento lavoro di ricerca, brani che vanno dalla grande tradizione classica al repertorio popolare di mondi lontani. Sarà una serata ricca di suggestioni quella del “Trio Ayesha”, il terzo concerto domenicale della stagione XXI “Eventi Musicali” dell’Orchestra della Magna Grecia: l’evento, reso possibile anche grazie al sostegno di Bernardi Dolcezze d’Autore, si terrà domenica prossima, 3 febbraio, alle19 presso la Sala Italia dell’Hotel Delfino di Taranto.

 

Il Trio Ayesha è composto da Marco Messa al clarinetto, Michele Vagnini alla viola e Ramzi Hakim al pianoforte. Nasce nel 2009 dalla collaborazione di questi tre musicisti, cresciuti musicalmente al Conservatorio di Pesaro, che da subito dimostrano una spiccata sensibilità verso la musica popolare europea e non, dando così origine ad un doppio repertorio che unisce trasversalmente la tradizione classica occidentale con quella etnico-folklorica, evidenziandone contaminazioni e possibili interazioni.

Soprattutto sul fronte folkloristico il Trio Ayesha esplora generi e patrimoni musicali eterogenei creando un percorso originale e unico attraverso luoghi, culture e tempi diversi, con particolare attenzione alla rivisitazione dei balletti tratti dalle più disparate tradizioni.
Sarà la “voce narrante” di Noris Borgogelli, che insieme a Ramzi Hakim ha curato gli arrangiamenti dei brani, ad “affabulare” il pubblico guidandolo nel particolare programma di questo concerto, un viaggio suggestivo nella musica folkloristica di diversi paesi, scritti da compositori contemporanei che si sono ispirati alle più disparate tradizioni musicali.

 

Dalle “Folk songs” di Luciano Berio saranno eseguite “A la femminisca”, “Azerbaijan love song” e “Loosin yelav”. Di Massimo Valentini sarà eseguito “Greek”, dell’armeno Aram Il’i Khaaturjan l’Adagio dal balletto “Spartacus”.

 

Il Trio Ayesha proporrà poi “in the village” di Mikhail Ippolitov-Ivanov e, dalla Suite del balletto “Arabian nights” di Fikret Amirov, eseguirà “Orgy”, “Baghdad market” e “Sheherazade’s feast”. Del pesarese Paolo Marzocchi, infine, saranno proposti due brani da “Albanian Folk Song n. 5”: “Encore” e “Moj e vogel si floriri”.

L’Orchestra della Magna Grecia da 2003 è riconosciuta Ico (Istituzione Concertistica Orchestrale) dal Mibac.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche