Spettacolo

“The fool on the hill”. Riondino uccide John Lennon


Lo sai che cosa hai fatto?” gli chiesero. “Sì, ho appena sparato a John Lennon!” rispose freddamente David Chapman dopo aver assassinato uno degli artisti più amati del secolo scorso. La passione per il proprio idolo musicale può trasformarsi in ossessione, per poi crescere nel tempo fino a diventare furia omicida?

È l’ipotesi suggestiva alla quale darà voce l’attore Michele Riondino in “The fool on the Hill”, l’atto unico per attore, chitarra e orchestra sinfonica in cui si alterneranno momenti di recitazione e l’esecuzione di canzoni del gruppo di Liverpool.

Due date in programma: domani a Castellaneta, al Teatro Valentino per la stagione “Castellaneta in Musica 2013” (info 328.2858086), mercoledì 6 marzo al Teatro Orfeo di Taranto per la Stagione Concertistica XXI “Eventi Musicali” dell’Orchestra della Magna Grecia(info 099.7304422 e 099.4526853).

“The fool on the Hill” (Il matto sulla collina) è la famosa canzone dei Beatles del 1967 che dà il titolo a questo atto unico per attore, chitarra e orchestra, con soggetto e testo di Stefano Valanzuolo e regia di Marco Andreoli, che sarà recitato da Michele Riondino. Sul palco il popolarissimo attore, accompagnato dal chitarrista Giampaolo Bandini, interpreterà David Chapman, l’ex tossicodipendente con disturbi mentali che l’8 dicembre del 1980 assassinò John Lennon a New York. David Chapman era un grandissimo fan dei Beatles, e di Lennon in particolare, tanto che, nella sua crescente ossessione, arrivò persino a sposare una donna americana di origine giapponese che assomigliava a Yoko Ono; negli anni arrivò a convincersi che Lennon avesse tradito gli ideali della sua generazione, tanto da sentirsi investito della missione di punirlo.

Sul palco Michele Riondino sarà David Chapman nelle ore trascorse ad attendere John Lennon davanti all’ingresso del Dakota Hotel di New York, e ripercorrerà – come in un flashback estremo – quel sogno condiviso con milioni di ragazzi di tutto il mondo, ritrovando le canzoni, le frasi ed i gesti che hanno segnato un’epoca.

L’attore si alternerà sul palco con l’Orchestra della Magna Grecia, diretta da Roberto Molinelli, che eseguirà alcune delle più famose canzoni del gruppo di Liverpool in inediti arrangiamenti sinfonici curati dallo stesso Molinelli.

Le note di Help, Come togheter, Yesterday, Ticket to ride, The fool on the hill, Lucy in the sky with diamonds, Eleanor rigby e di tanti altri successi dei Beatles risuoneranno in versione sinfonica in questo concerto-evento dedicato a un gruppo che ha segnato indelebilmente la storia della musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche