18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

News Spettacolo

Lino Conte, 50 anni di carriera teatrale

L’autore e attore tarantino festeggia l’anniversario con una rassegna al Fusco

La presentazione della rassegna “Si alzi il sipario”
La presentazione della rassegna “Si alzi il sipario”

TARANTO – 50 anni come attore e autore. Un traguardo importante che Lino Conte ha deciso di festeggiare allestendo una mini rassegna presentata nei giorni scorsi al Fusco. Lino inizia da bambino con poesie, canzoni e scenette rappresentate a scuola e in parrocchia. Poi una data precisa, il 4 dicembre 1968, che segna l’inizio di un percorso artistico che tuttora lo vede protagonista. Durante l’espletamento del servizio militare nel Battaglione San Marco gli viene affidato dal comando il compito di organizzare uno spettacolo di cabaret per la festa in onore di Santa Barbara che Conte scrive e chiama “Santa Barbara show 68”.

Lo spettacolo ebbe un tale successo che alcuni giorni dopo viene premiato dalla Marina Militare come miglior spettacolo allestito per la festa di Santa Barbara. Dopo il congedo Lino Conte intensifica la sua attività puntando sul cabaret approdando nelle piazze del sud Italia. Scrive anche testi teatrali, canzoni popolari e macchiette. La sua produzione prosegue e si arricchisce sempre più. Un curriculum lunghissimo. «50, non mi sembra vero. Non me ne sono accorto. Sono volati, piacevolmente – ha dichiarato – da 50 anni mi emoziono sul palcoscenico e nelle piazze, il teatro è la mia più grande passione e continuerò, finché potrò, a donare emozioni al mio affezionato pubblico. Ho iniziato come commediografo dialettale, ma in questi ultimi anni ho visto che il vernacolo è stato un po’ messo da parte. Il mio obiettivo è avvicinare i giovani al teatro, soprattutto quello dialettale. In questi anni sono cambiate le scenografie, prima più composite e ricercate, mentre oggi, forse e soprattutto per motivi economici, si utilizzano le video proiezioni. È cambiato anche il rapporto con gli attori, ora c’è meno tempo da dedicare alle prove, al teatro amatoriale. Si corre, si corre sempre. Solo la grande passione è in grado di far trovare il tempo da dedicare alla preparazione della prima».

«Essere qui al teatro Fusco è una promessa mantenuta da parte dell’amministrazione comunale, da Fabiano Marti, assessore allo Spettacolo – ha detto Aldo Salamino, direttore organizzativo – abbiamo raggiunto questo primato: essere la prima compagnia ad organizzare una rassegna italo dialettale in questo teatro». La rassegna con la quale Conte festeggia è “Si rialzi il sipario”. Quattro gli appuntamenti previsti, tutti di generi diversi: il 22 dicembre (ore 19,45) è in programma la commedia “O te mange sta menestre…o te scitte d’a fenestre”, regia di Lino Conte (biglietti in vendita da sabato 21 dicembre, al Fusco, dalle 17 alle 20). Sabato 15 febbraio (ore 21) sarà la volta dello spettacolo di varietà “Se potessi avere mille lire al mese”, di Lino Conte, con la partecipazione straordinaria di Luciano Capurro. Giovedì 23 aprile (ore 21) va in scena “Non ti scordar di me” dalla Piedigrotta napoletana all’operetta. Infine il 13 maggio (ore 21) la mini rassegna si chiude con “A’ facce de ce ne vole male”, di Lino Conte che ne cura anche la regia.

Info e prenotazioni al 342.7103959 e 392.3096037.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche