05 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 05 Dicembre 2020 alle 06:43:15

News Spettacolo

Il film girato a Taranto divide pubblico e critica

Six Underground, la mega produzione Netflix, non convince

Six Underground, il film girato a Taranto
Six Underground, il film girato a Taranto

Uno spettacolo per gli occhi, ma su questo c’erano pochi dubbi. Molto meno convincenti dialoghi e trama; e su questo, qualche timore c’era.

Divide pubblico e critica Six Underground, l’ultimo film del celebre regista americano Michael Bay, con molte sce­ne girate a Taranto.

Six Underground, il film girato a Taranto
Six Underground, il film girato a Taranto

La produzione Netlix, piatta­forma streaming sulla quale il film è disponibile, non ha convinto appieno. “Chiaria­moci: 6 Underground non è un film nel senso canoni­co del termine. Ha un inizio, un centro e una fine, ha dei personaggi, dei dialoghi e una trama (più o meno) ma per il resto non somiglia a niente che abbiamo visto. È una macchina di eccitazione continua lanciata a velocità folle per due ore e sette mi­nuti. Non ha obiettivi se non stimolare, stupire e dilata­re le pupille dello spettatore continuamente a discapito di tutto, trascura completa­mente i dialoghi e la trama per costruire un’epopea di immagini clamorose” scri­ve Esquire. Per MyMovies, “Michael Bay torna all’action puro, con stunt spettacolari e senza più robot mutaforma, e lo fa gettandoci in medias res in un pazzesco inseguimento a Firenze. Peccato che tutto quel che venga dopo non sia altrettanto sbalorditivo”.

“Un manipolo contro i cattivi del mondo. Una premessa da ci­necomic, ma i 6 Underground del nuovo film di Michael Bay non hanno superpoteri, an­che se sembrano degli aven­gers radunati da un Iron Man, il miliardario dato per morto Ryan Reynolds. Respirate pri­ma dei titoli di testa, perché non ce ne sarà più modo nel corso delle due ore di questo film ipercinetico che spinge ancora avanti il concetto di azione, e reazione dello spet­tatore. inseguimenti incredi­bili, i migliori per le strade di Firenze, e pochi fronzoli per il ritorno di Michael Bay che promette di creare una nuova serie di anti cinecomic, por­tando in alto lo stendardo del cinema d’azione”: così scrive Mauro Donzelli (Comingso­on.it). Per Nocturno, “ciò che Michael Bay spara nei primi venti minuti è probabilmente la sequenza d’azione più folle che abbia mai girato (…) Se il film fosse finito a questo pun­to, ci saremmo divertiti mol­tissimo. Sfortunatamente, tuttavia, si arriva al punto in cui interviene la narrazione, una disciplina in cui è noto che Michael Bay brilli piut­tosto raramente (…) Citazioni sono intervallate ed espo­ste al ridicolo, e neanche in tema di violenza estrema ci si fa mancare nulla”. Secon­do Movieplayer, “Six Under­ground è un film spettaco­lare e divertente, una sorta di Mission: Impossible sotto una massiccia dose di steroi­di. Uno di quei film che alza l’asticella del cinema d’azio­ne”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche