15 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Maggio 2021 alle 14:20:20

Spettacolo

Un concerto russo con Rach Paganini


TARANTO – Un concerto tutto russo con “Rach Paganini” e l’Orchestra Magna Grecia. Torna a suonare all’Orfeo la pianista Mariangela Vacatello. Il tema musicale del Capriccio n.24 di Niccolò Paganini è talmente bello e ispirato che, nel corso della storia della musica, molti famosi compositori lo hanno rielaborato in loro opere, tra questi Robert Schumann, Franz Liszt e Johannes Brahms. Ultimo in ordine di tempo, nel 1934, è stato Sergej Rachmaninov che compose la sua “Rapsodia su un tema di Paganini” per pianoforte e orchestra.

A questa memorabile pagina del compositore russo sarà dedicato il concerto “Rach Paganini”, l’appuntamento con cui torna alla grande musica classica la XXI Stagione Concertistica “Eventi musicali” di Taranto dell’Orchestra ICO della Magna Grecia. Il concerto si terrà al Teatro Orfeo di Taranto (sipario ore 21.00), stasera, mercoledì 17 aprile (infoline 099.7304422 – Tel. 099 4526853). In questo concerto torna a suonare con l’Orchestra della Magna Grecia, diretta da Piero Romano, la pianista Mariangela Vacatello che, seppur ancora trentunenne, è già una solida realtà del concertismo italiano, tra l’altro l’anno scorso ha debuttato anche al Teatro alla Scala. Questo concerto è il terzo di un progetto che vede la pianista impegnata con l’Orchestra ICO della Magna Grecia nell’esecuzione della “integrale” dei lavori per piano e orchestra di Sergej Rachmaninov. Quest’anno è la volta la “Rapsodia su un tema di Paganini” in La minore Op.43, un’opera in cui il compositore russo ha sapientemente coniugato l’estro virtuosistico con il rigore della costruzione formale, scrivendo così un brano che mette d’accordo il gusto del pubblico, attento alla facilità melodica ed alla brillantezza cromatica, con le attese dei più esperti, in grado di cogliere l’originale solidità di quest’opera. In seguito Mariangela Vacatello si cimenterà nella grande Sonata n. 2 in si bemolle minore op. 36, di Sergej Rachmaninov, un’opera in tre movimenti di grande complessità musicale, scritta dal compositore nel 1913 e poi rielaborata, con alcuni tagli, nel 1931, in modo da renderla più accessibile al pubblico. Completa il programma del concerto l’esecuzione, da parte dell’Orchestra della Magna Grecia diretta da Piero Romano, di tre popolari brani orchestrali di compositori russi, grandiose composizioni sinfoniche di forte impatto emotivo. Si inizia con la “Poloinase” di Pyotr Ilyich Tchaikovsky, la maestosa danza polacca con cui si apre il terzo atto dell’opera “Eugene Onegin”, poi sarà eseguita la celeberrima ouverture dell’opera “Ruslan e Ludmilla” di Mikhail Glinka e, dulcis in fundo, il “Capriccio Spagnolo” di Nikolaj Rimskij-Korsakov, una composizione in cinque movimenti basata su temi della musica popolare spagnola con una particolarità: nel “canto gitano” del quarto movimento gli “archi”, infatti, devono imitare il suono di una chitarra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche