12 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 07:11:00

Spettacolo

Le vie di Taranto fra ideologia e aneddoti


TARANTO – In un affollatissimo Salone degli specchi di Palazzo di Città (nella foto Ingenito una fase dell’incontro), è stata presentata ieri sera l’ultima fatica editoriale del professor Mario Guadagnolo, “Toponomastica tarantina, il chi è delle vie di Taranto”, un corposo volume edito da Scorpione nel quale si racconta chi sono i personaggi ai quali nel corso della storia sono state dedicate le vie di Taranto. Un modo diverso di raccontare la storia della Citta di Taranto.

Presentata da Nicla Pastore, la serata ha registrato il saluto dell’assessore comunale Cisberto Zaccheo e gli interventi dei rappresentanti degli sponsor (Banca Mediolanum e Fondazione Oro6), dell’editore, Piero Massafra, dell’avvocato Franco De Feis, già assessore alla Cultura e allo Toponomastica proprio nella giunta guidata dall’ex sindaco Mario Guadagnolo, e del giornalista e dirigente Rai Angelo Mellone. A concludere, l’autore, Mario Guadagnolo.

Un volume, quello di Guadagnolo, che si rivela un prezioso testo da consultare e, dunque, da tenere in archivio. Ma anche da leggere perchè la toponomastica è una traccia della sedimentazione storica e civile, oltre che culturale, di una città. Dare un nome a una strada, si dirà, è un atto burocraticamente

banale, ma il complesso dei nomi – il complesso delle scelte – è un indicatore di un’idea del proprio patrimonio storico.

La memoria storica locale è fatta di curiosità, tradizioni popolari, leggende. Ma è fatta anche di ideologia. Che, come spesso accade, nei suoi simboli non mette tutti d’accordo. Gli aneddoti, a tal proposito, non sono mancati. Da Corso Umberto, che con l’avvento del comunista Voccoli fu messo in discussione per poi tornare all’attuale nome con Monfredi, a Piazza Immacolata, dove la Chiesa (e non solo per questo sito) esercitò la sua influenza.

Identità, luoghi dell’appartenenza, memoria collettiva: questo ed altro in un libro da conservare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche