x

x

Europee 2014, Massimo Ferrarese “chiama” il Governo

Il tour elettorale di Massimo Ferrarese toccherà tutto l’arco ionico. In vista delle consultazioni che domenica 25 maggio rinnoveranno il Parlamento europeo, Ferrarese, candidato nella lista del Nuovo Centro Destra, domani mattina sarà a Taranto per incontrare iscritti e simpatizzanti. Nel pomeriggio, l’ex presidente della Provincia di Brindisi, sarà a Sava, Lizzano, Fragagnano e Maruggio. In chiusura di giornata, presenzierà ad una manifestazione che si terrà a Manduria.

Intanto, il leader di Ncd interviene sul caso Ilva. “Le preoccupazioni di sindacati, lavoratori e forze politiche sono sicuramente condivisibili. Preoccupazioni che parlano di assenza di certezze nei confronti degli immani finanziamenti necessari alle opere di ambientalizzazione dello stabilimento siderurgico per riportare le emissioni prodotte all’interno dei limiti di Legge. Apprendiamo di una cifra assolutamente importante come oltre 4 miliardi di euro quale necessità indilazionabile. Oggi il vero problema è rispettare la legge nell’interesse primario dei cittadini tarantini e dei lavoratori dell’Ilva. Lo stabilimento siderurgico senza i lavori necessari per la sua riqualificazione ambientale non potrebbe continuare a produrre per non danneggiare ulteriormente, dal punto di vista sanitario, una popolazione già vessata da decenni di elusione del problema".

"Per queste motivazioni – spiega Ferrarese – chiedo con forza che il Governo italiano si impegni senza dilazioni nell’affrontare queste problematiche con la necessaria autorevolezza e lungimiranza assicurando i finanziamenti. Il piano industriale e ambientale presentato dai commissari Bondi e Ronchi, senza i finanziamenti necessari risulterebbe un mero esercizio progettuale. È giusto che la vertenza Ilva diventi davvero centrale nelle decisioni governative, sia a livello nazionale che a livello comunitario. Difendere la salute e l’ambiente, realizzare imprese produttive e che assicurino lavoro e reddito. Oggi i cittadini chiedono poche parole e molti fatti. E la politica deve saper rispondere a questa richiesta”.