x

x

Rimpasto della Giunta, il Sindaco conferma Baio

Un nuovo assessore al Partito democratico, una donna per l’Udc, due tecnici e la riconferma di Baio. Queste le novità che trapelano da Palazzo di Città dopo l’incontro tra il sindaco ed i massimi vertici del Pd. Ieri sera il confronto è andato avanti per più di due ore. Per i “democratici” c’erano il segretario provinciale Walter Musillo, il segretario cittadino, Tommy Lucarella, il responsabile delle Politiche del Lavoro del Pd, Luciano De Gregorio, il capogruppo Gianni Azzaro ed i consiglieri Emanuele Di Todaro, Mimmo Cotugno, Michele De Martino, Mario Laruccia e Vincenzo Di Gregorio.

Il colloquio ha trattato i temi riguardanti lo sviluppo della città ed il rilancio della macchina amministrativa. Ovviamente, però, l’obiettivo principale del vertice era quello di dirimere la questione relativa al rimpasto di Giunta. Riducendo il tutto ad una mera questione di numeri, il Partito democratico ha chiesto tre assessori, quindi due nomi nuovi e la conferma dell’assessore e vicesindaco Lucio Lonoce.

Il sindaco, come anticipato ieri nel corso di una intervista rilasciata a Taranto BuonaSera, ha risposto picche: solo un nuovo assessore. Ad entrare nell’esecutivo stefaniano sarà, quindi, Vincenzo Di Gregorio.

“Noi, responsabilmente, comprendiamo le difficoltà del sindaco – afferma Tommy Lucarella – ma rispetto al numero di consiglieri Pd presenti in Consiglio (il 30% del totale) ed ai voti che il nostro partito ha ottenuto nell’ultima tornata elettorale per le Europee, non ci sentiamo affatto soddisfatti. Anche nelle difficoltà nelle quali il sindaco è costretto ad operare la nostra presenza in Giunta è sottostimata”.

Le consultazioni propedeutiche al rimpasto di Giunta proseguono anche oggi. Secondo quanto trapela dal Municipio, l’intento del sindaco sarebbe quello di varare una squadra composta da nove assessori: due tecnici (all’Urbanistica e Pubblica Istruzione-Cultura); due new entry (un assessore Pd, Di Gregorio; una donna per l’Udc). Cinque conferme (Cosa, dall’Urbanistica al Patrimonio; Scasciamacchia; Zaccheo; Lonoce; Baio, in quota Stefàno). Fuori dall’Esecutivo: Massimiliano Stellato e Lucia Viafora.