x

x

Elezioni, Sinistra Italiana nella lista di Taranto Crea

Alleanza tra Sinistra Italiana e Taranto Crea

Alleanza politica ed elettorale tra Sinistra Italiana e Taranto Crea. A sostegno, ovviamente, della candidatura a sindaco di Rinaldo Melucci. Alle elezioni comunali Sinistra Italiana candiderà suoi esponenti nella lista fondata dagli assessori uscenti Fabrizio Manzulli, Fabiano Marti e Ubaldo Occhinegro. L’intesa è stata ufficializzata nel corso di una conferenza che si è svolta nel pomeriggio di lunedì 7 febbraio nella sede di Taranto Crea, alla Bestat. Vi hanno preso parte Manzulli e Marti per Taranto Crea, il segretario cittadino di Sinistra Italiana, Cosimo Minzera, il segretario provinciale Maurizio Baccaro, il segretario regionale Nico Bavaro, il consigliere comunale uscente Dante Capriulo, Antonella Alessandrini e, naturalmente, il candidato sindaco Rinaldo Melucci. «Sinistra Italiana – ha spiegato Minzera – ha sempre sostenuto l’amministrazione Melucci e lo ha fatto con la presenza attiva nella maggioranza del consigliere Capriulo.

La scelta di condividere il percorso con Taranto Crea è stata condivisa dai nostri livelli provinciale, regionale e nazionale. Abbiamo deciso di candidare alcuni di noi in quella lista per evitare di essere dispersivi». Al momento sono due le candidature certe: quella dello stesso Minzera e quella di Antonella Alessandrini. «In questi mesi – ha spiegato Minzera – ci siamo incontrati con Taranto Crea e abbiamo ipotizzato di fare un’unica lista. Di Taranto Crea abbiamo apprezzato molto l’impegno dei tanti giovani professionisti che si spendono per la città». Tutti gli esponenti di Sinistra Italiana hanno sottolineato la condivisione delle scelte compiute dall’amministrazione Melucci in questi anni: «Abbiamo condiviso lee startegie per dare alla città una diversificazione economica, la linea adottata sulla questione ambientale, lo slancio dato alla mobilità sostenibile con la realizzazione delle piste ciclabili e l’introduzione dei monopattini elettrici. Temi come l’ambiente, la salute, la sanità pubblica, le politiche sociali, l’attenzione per le periferie, sono a noi cari e presenti nel programma di Rinaldo Melucci». E a proposito di periferie, Sinistra Italiana ha molto apprezzato gli interventi nell’area di Talsano, Lama San Vito per acqua e fogna e per ilrifacimento del manto stradale. «Sinistra Italiana – ha ribadito Minzera – è dalla parte di Rinaldo Melucci perché dal 2017 a oggi ha realizzato un grande processo di rivoluzione culturale in questa città. Taranto è oggi diversa, prima era schiava della monocoltura siderurgica, vittima di un dissesto che l’aveva immobilizzata. Melucci ha avviato questo processo di cambiamento, dando spazio al turismo, agli eventi sportivi, alla cultura, per citare alcune cose.

Siamo orgogliosi di avervi contribuito e vi contribuiremo ancora con i nostri candidati all’interno di “Taranto Crea”». «Subito dopo la caduta dell’amministrazione comunale – ha spiegato Manzulli – abbiamo cercato di fare sintesi con quelle forze che condividevano la nostra visione di città. L’intesa con Sinistra Italiana si basa su valori chiari e precisi, non abbiamo l’odio che ci unisce, come capita altrove, ma l’amore per questa terra. Abbiamo trovato interlocutori con cui è facile confrontarsi, avendo come denominatore comune il riscatto di questa terra». Rinaldo Melucci visibilmente soddisfatto per questa intesa fra Sinistra Italiana e Taranto Crea: «Siamo molto contenti di questo dialogo con Sinistra Italiana – le parole di Melucci – perché darà risultati dal punto di vista operativo, politico ed elettorale. Un dialogo naturale, d’altronde, perché in questi anni, grazie anche al contributo di questi ragazzi e, in consiglio comunale, di Dante Capriulo, abbiamo raggiunto risultati importanti. Lo stesso piano di transizione “Ecosistema Taranto” porta la loro firma, soprattutto in quelle parti che definiscono il rapporto con la grande industria. È motivo di responsabilità e soddisfazione, inoltre, se un partito nazionale così importante è a bordo della nostra coalizione: all’interno di “Taranto Crea” troverà lo spazio ideale per misurarsi con le energie positive e giovani della città per portare a compimento il programma». Melucci ha voluto sottolineare come il rapporto con Sinisdtra Italiana sia sempre stato profondamente leale: «Non hanno mai chiesto nulla. Hanno soltanto chiesto il mio impegno e quello dell’amministrazione da me guidata sui temi fondamentali e sulle battaglie nelle quali loro si riconoscono. Su queste basi abbiamo condiviso la nostra azione. Questo significa fare politica mossi da ideali e per offrire alla città una visione futura che servirà soprattutto alle nuove generazioni»