x

x

Melucci, il ritorno a Palazzo di Città

La proclamazione di Rinaldo Melucci

Rinaldo Melucci è ufficialmente, di nuovo, sindaco di Taranto. Nella serata di venerdì 17 giugno la cerimonia di insediamento del riconfermato primo cittadino che domenica scorsa ha vinto al primo turno con oltre il 60% dei voti. In realtà, non è stato il commissario Cardellicchio a riconsegnargli la fascia tricolore; è stata la moglie di Melucci, con i loro tre figli, ad “incoronare” un emozionato sindaco, sotto lo sguardo sorridente del commissario che resta in carica con funzioni limitate fino alla costituzione del nuovo consiglio comunale, e della nuova giunta.

Proprio il prefetto Cardellicchio ha aperto la cerimonia del passaggio di consegne in un affollatissimo Salone degli Specchi di Palazzo di Città. «Sarebbe facile parlare del mio innamoramento per Taranto, che è una città bellissima» le parole del commissario «ma quello che veramente mi ha colpito, in questi sette mesi in cui sono stato cittadino di Taranto, è stata la possibilità di appassionarmi a questa città. Taranto ha un potenziale immenso, le sue possibilità sono enormi». Quindi parola a Melucci, per un breve discorso che è partito proprio dai ringraziamenti a Cardellicchio: «Questo Ente, il commissario ed il suo staff hanno messo in sicurezza i dossier e sposato la traiettoria imboccata dalla città» ha detto il sindaco, che al commissario aveva lasciato il posto dopo la sfiducia in consiglio comunale con la ormai nota raccolta delle 17 firme e che adesso, dopo le elezioni, torna a Palazzo di Città. «Ci rimettiamo subito a lavorare. Non abbiate paura del futuro, abbiamo le idee chiare, il lavoro è già sul tavolo. Ci aspettano anni di svolta – ha scandito Melucci – soprattutto per i giovani».

Ad applaudire Melucci, molti consiglieri comunali freschi di elezione (o rielezione), assessori delle giunte precedenti (ed in alcuni casi in predicato di tornare nell’esecutivo comunale) ma anche esponenti e simpatizzanti di quella coalizione Ecosistema Taranto 2022 che si è imposta nettamente nella recentissima tornata amministrativa. Ad ogni buon conto, il Meluccibis è già iniziato. «A Taranto abbiamo anticipato l’applicazione di quel modello turistico che oggi sta entrando ufficialmente nella programmazione regionale» ha scritto su Facebook Melucci prima della cerimonia. «Il lungo e partecipato percorso di redazione del nuovo piano strategico per il turismo Puglia 365, quindi, facendo tappa in riva allo Ionio ha trovato una città pronta e capace, dove il turismo si declina attraverso le esperienze, le tipicità, l’impegno di tanti operatori, tutto messo a sistema per raccontare il territorio in maniera completamente diversa. È un giorno importante perché parliamo di sviluppo alternativo, di bellezza, del ruolo di Taranto come centro nevralgico delle strategie promozionali della Regione. Un ruolo che rivendichiamo e rilanciamo oggi, annunciando di aver partecipato al bando per la capitale europea del turismo intelligente: grazie al fermento che attraversa Taranto, sappiamo di poter giocarci anche questa partita».