x

x

Rottamazione Ter e Saldo e Stralcio, l’8 agosto è il termine di pagamento per tutto il 2021

Ritorna il tema del saldo dei versamenti dovuti per la Rottamazione
Tasse

Ritorna il tema del saldo dei versamenti dovuti per la Rottamazione ter ed il Saldo e stralcio, misure derivate dal precedente Governo Renzi e dal primo Governo Conte per aiutare i contribuenti in difficoltà con la propria situazione debitoria nei confronti dell’Agenzia della Riscossione (ex Equitalia Spa). La pandemia da COVID19 ne aveva sospeso le scadenze, più volte rimandate e rimaneggiate nel corso di questi ultimi mesi perché il Governo aveva ben recepito l’impossibilità per moltissimi contribuenti di adempiere ai versamenti ed al pagamento delle rate.

La Rottamazione Ter, della quale si è invocato inutilmente a lungo anche una versione nuova, prevedeva la possibilità per i cittadini di versare i tributi e le imposte arretrate elidendo il peso di sanzioni e interessi in modo da alleggerire notevolmente il gravame residuo. Il Saldo e stralcio è stata invece una misura considerabile alla stregua di un condono e consentiva una forte riduzione debitoria al prezzo di un versamento in poche tranche di quanto ricalcolato e dovuto. Le scadenze del 2021 furono tutte sospese e rinviate a data ultima fissata per il 31 luglio 2022 ma, in considerazione dei 5 giorni di tolleranza concessi dalla legge, saranno ritenuti validi i pagamenti effettuai entro l’8 agosto 2022 a copertura di tutte le rate pregresse previste per il 2021 pur di mantenere le agevolazioni previste. Il pagamento deve essere effettuato utilizzando i bollettini già inviati da Agenzia delle entrate-Riscossione e riferiti alle originarie scadenze delle rate 2021 (febbraio, maggio, luglio e novembre per la “Rottamazioneter”; marzo e luglio per il “Saldo e stralcio”) che è possibile anche richiedere sul sito internet www. agenziaentrateriscossione.gov.it.

In caso di versamenti oltre i termini previsti o per importi parziali, verranno meno i benefici della misura agevolata e i pagamenti già effettuati saranno considerati a titolo di acconto sulle somme dovute. Si ricorda che la Legge n. 25/2022 ha definito nuovi termini anche per il versamento delle rate della definizione agevolata previste nel 2022, con la possibilità di mantenere le agevolazioni se il pagamento sarà effettuato entro il prossimo 30 novembre. Sono in arrivo invece alcune semplificazioni approvate dal Parlamento della Repubblica su tre temi importanti. Il primo riguarda migliaia di enti del terzo settore, associazioni e altri enti assimilati. Questi, generalmente esentati da una gestione fiscale e commerciale sotto una certa soglia di attività sono condizionate per legge a trasformarsi in soggetti commerciali oltre determinati limiti. Il passaggio a esercizio commerciale avverrà con una soglia di ricavi al 6% (attualmente è al 5%) per non oltre tre periodi consecutivi (attualmente sono due). Passa inoltre una norma che rimuove gli obblighi di stampa dei libri contabili, libro giornale e inventari che potranno ora essere conservati in forma digitale su qualsiasi supporto o stampati per l’occasione ed esibiti per necessità.

Arriva poi la possibilità di utilizzare il modello F24 per qualsiasi pagamento, condizione che agevolerà in particolare i contribuenti che sono dotati di crediti fiscali compensabili solo con quel modello. Scatta l’obbligo per l’Amministrazione finanziaria di comunicare inoltre la conclusione di attività istruttorie di controllo a carico del contribuente anche con sms e l’app IO. Nello specifico, nei controlli nei confronti del contribuente, l’amministrazione finanziaria comunica, in forma semplificata, entro il termine di 60 giorni dalla conclusione della procedura di controllo, l’esito negativo di quest’ultima. Sarà la stessa Agenzia, «con proprio provvedimento», a individuare le modalità di comunicazione, «anche mediante l’utilizzo di messaggistica di testo indirizzata all’utenza mobile del destinatario, della posta elettronica anche non certificata o dell’AppIO».

Francesco Andrea Falcone
Dottore Commercialista – Revisore Legale