x

x

Cosa mangiare per prevenire la pressione bassa in estate

Alimenti per combattere la pressione bassa

Con l’arrivo del caldo spesso si riscontra un calo della pressione. L’Ipotensione si verifica quando i valori di pressione sono uguali o inferiori a 90 mmHg per la “massima’’ e uguali o inferiori a 60 mmHg per la “minima’’.

Solitamente, l’ipotensione improvvisa si verifica quando l’organismo è in stato di disidratazione, quando si manifesta un calo di zuccheri o quando l’afflusso sanguigno al cervello risulta limitato da altri processi, come nel caso dell’ipotensione postprandiale che può sorgere dopo un pasto molto abbondante e per cui è richiesto un maggior afflusso di sangue verso l’apparato digerente. In alcune persone la pressione sanguigna può essere sempre più bassa del normale ma non dare alcun fastidio, in altri casi invece può manifestarsi senza preavviso con sensazione di debolezza, giramenti di testa, inappetenza e svenimenti. E’ importante fare in modo di riportare subito la pressione a livelli regolari attraverso alcuni accorgimenti, per evitare che il disturbo dia origine ad altre problematiche. La cosa migliore da fare è sdraiarsi fino a quando i sintomi non scompaiono. Se sdraiarsi non è possibile, può essere d’aiuto anche mettersi in posizione seduta, respirare a fondo e bere un bicchiere d’acqua. Un valido aiuto in questo senso proviene dall’alimentazione. Se il fenomeno di ipotensione è sporadico è sufficiente adottare alcuni accorgimenti che servono a normalizzare la pressione.

E’ opportuno reintegrare la quota di sali minerali e di elementi salini (come il potassio) che contribuiscono all’equilibrio elettrolitico dell’organismo e quindi alla stabilizzazione della pressione. Spesso si ritiene erroneamente che sia importante assumere degli zuccheri: in realtà basta un bicchiere d’acqua per attivare gli osmorecettori epatici in collegamento con afferenze nervose simpatiche per far provocare una vasocostrizione periferica aumentando cosi la pressione arteriosa Con il caldo bisogna fare spazio ad alimenti crudi, ricchi di acqua e di sali minerali. La natura ci fornisce tutti gli alimenti utili e infatti in estate abbiamo: – i pomodori, ricchi di in licopene (rosso) e carotene (giallo), vitamina A, potassio; – i cetrioli, ricchi di acqua, sali minerali (come potassio e fosforo) e vitamina C; – le zucchine, ricche di potassio che hanno un effetto positivo nella pressione; – la frutta di stagione come: le fragole (ricche di sali minerali e iodio), le ciliegie e i frutti arancioni ricchi di Beta carotene, precursore della vitamina A, che contribuisce al benessere della pelle durante l’esposizione al sole estivo, come albicocche, pesce e melone. E’ utile fare il pieno di frutta e verdura ricchi di vitamine e minerali, favorendo quelli di stagione come le albicocche, i pomodori, le zucchine, le pesche.

Allo stesso modo, anche gli alimenti che contengono magnesio possono aiutare a contrastare l’ipotensione e il caldo, nello specifico i cereali, i legumi, il cioccolato fondente e le mandorle Si possono poi comporre dei pasti ad azione ritentiva, come ad esempio la caprese. Questa associazione alimentare abbina ai pomodori, ricchi di sali, l’azione della mozzarella, ricca di calcio. Il risultato è che il pasto ha un’azione di ritenzione per cui i sali minerali non vengono dispersi e questo agisce a favore della pressione bassa. Come condimento per gli alimenti, puoi utilizzare del sale marino integrale. Un suggerimento mai scontato è quello di bere acqua. La pressione si abbassa proprio perché c’è un minor volume di sangue e una maggiore disidratazione ed entrambi questi meccanismi possono essere sostenuti bevendo di più. In generale, inoltre, per affrontare il caldo ed evitare che questo possa provocare cali di pressione. Ci sono alcuni alimenti particolarmente indicati da mangiare per aumentare velocemente la pressione. È il caso della liquirizia, del tè verde e dello zenzero che sono ricchi di sostanze energizzanti, e della barbabietola che contiene potassio, ferro e altri importanti minerali. Non bisogna esagerare con i carboidrati, gli zuccheri e gli alimenti nervini.

Assumere una quantità eccessiva di questi alimenti, infatti, potrebbe condurre all’effetto contrario e peggiorare la situazione. Una regola molto importante a cui prestare attenzione quando si manifesta l’ipotensione, inoltre, è relativa all’abbondanza dei pasti. In queste circostanze, infatti, è necessario evitare di sovraccaricare ulteriormente l’intestino (spingendo il sangue a pompare di più nello stomaco e nel fegato) e optare invece per dei pasti piccoli e leggeri, aumentando eventualmente la frequenza se necessario.

Dr.ssa Monika Szczesna
Biologa nutrizionista
www.dieta metabolic.it